Oggi pomeriggio arriveranno in Italia 12 profughi ucraini: quattro bambini malati, con le mamme e i fratellini, e saranno immediatamente trasportati all’Ospedale Gaslini con un pulmino messo a disposizione dal 118. I piccoli pazienti, affetti da neoplasie, saranno presi in cura dagli specialisti del Dipartimento di Onco-ematologia diretto da Carlo Dufour; in serata saranno accolti in Ospedale per i primi accertamenti necessari, in seguito saranno alloggiati in appartamenti messi a disposizione dalla protezione civile regionale.

Durante la missione realizzata in collaborazione con la Cross l’equipe del Gaslini ha preso in carico 27 pazienti (3 adulti e 24 bambini) coordinando la loro presa in cura e il trasporto dalla Polonia verso stutture di eccellenza italiane, tra questi, 8 bambini affetti da neoplasie saranno curati all’Istituto Gaslini.

I bambini che arriveranno questa sera saranno accompagnati dall’equipe dell’Ospedale Gaslini composta da Andrea Moscatelli direttore del Dipartimento di Emergenza del Gaslini, dalla pediatra Isabella Buffoni e dall’infermiera Gloria Todeschini del Gaslini, che oggi rientrano in Italia dopo una settimana di missione trascorsa a Rzeszów al confine tra Polonia e Ucraina, in collaborazione con la Cross, la centrale remota operazioni soccorso Sanitario che opera nell’ambito del soccorso sanitario urgente, coordinando le operazioni di evacuazione medica, nell’ambito del meccanismo europeo di Protezione civile, la ricognizione dei posti letto disponibili nelle Regioni e Province Autonome e l’organizzazione del trasferimento dei pazienti in raccordo con i referenti sanitari regionali.

Molte persone e diverse associazioni si sono proposte in questi giorni per portare aiuto e raccogliere fondi dedicati a questi bambini doppiamente sfortunati: per coordinare e finalizzare le risorse nel modo più efficiente possibile l’ospedale ha chiesto quindi a Gaslini Onlus di avviare una raccolta fondi per l’emergenza ucraina.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.