Presenti nel pesto, nei soffritti e negli umidi (vedi qui) e in molti ripieni, i pinoli nella cucina ligure sono importanti anche nei dolci. Pensiamo a come arricchiscono tanto il sontuoso pandolce genovese come l’umile castagnaccio. E sono protagonisti della pinolata della Val d’Aveto, nell’entroterra chiavarese.

La pinolata viene cotta in genere in teglie da forno rotonde del diametro di 24-26 cm e ha uno spessore sui 3 cm. Deve risultare croccante e dorata all’esterno, morbida e soffice all’interno.

Ingredienti. Per la pasta frolla: 150 gr di farina 00, 70 gr di fecola di patate, 125 gr di burro, 2 tuorli d’uovo, 90 gr di zucchero a velo. Per il ripieno: 50 gr di mandorle dolci, 50 gr di mandorle amare, 2 albumi d’uovo, 1 pizzico di bicarbonato, 250 gr di zucchero, 200 gr pinoli, burro q.b.

Preparazione. Per prima cosa prepariamo la pasta frolla. In una ciotola mescoliamo la farina, la fecola, lo zucchero a velo e il burro, tagliato a cubetti e tirato fuori dal frigo 2 ore prima. Impastiamo con le mani fino a ottenere un composto liscio, compatto e omogeneo, formiamo una palla, la copriamo con pellicola trasparente e la lasciamo riposare in frigo una trentina di minuti.

Passiamo al ripieno. Tritare con un mixer le mandorle e unire 200 grammi di zucchero. Montare i tuorli a neve e aggiungere una presina di bicarbonato. Mescolare bene il tutto fino a ottenere una crema densa e omogenea.

Dividere in due la pasta frolla e spianare le parti fino a ottenere due sfoglie, una un po’ più grande dell’altra (più o meno in un rapporto di 55 a 45). Ungere di burro la teglia e adagiarvi la sfoglia più grande alzando i bordini tutt’attorno, quindi versare l’impasto. Livellare bene il ripieno e ricoprire con il disco di pasta frolla restante. Ripiegare i bordini e cospargere la superficie con i pinoli e 50 grammi zucchero. Fare cuocere in forno a 180° sino a quando il dolce avrà raggiunto un aspetto dorato.

Consumatelo quando sarà a temperatura ambiente, accompagnandolo con un Pigato Passito.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.