Tra un paio di giorni sarà già tempo di saldi. L’apertura della “stagione” degli sconti sarà per la Liguria il 5 gennaio e terminerà il 18 febbraio.

Nello stilare un bilancio del 2021 e delle aspettative per il 2022 appena cominciato, i commercianti genovesi sono sospesi tra preoccupazione e speranza, come sintetizza la vicepresidente di Confesercenti Genova, Francesca Pescetto: «Gli ultimi tre mesi dell’anno appena concluso hanno fatto segnare una discreta ripresa, se non altro rispetto al rovinoso 2020 da cui eravamo venuti. Dobbiamo essere fiduciosi, a condizione di rendere strutturali le misure di contenimento e convivenza col Covid-19 e di uscire, quindi, dalla logica di continua emergenza che ha contraddistinto l’ultimo biennio».

«Un autunno incoraggiante e un Natale in linea con quello del 2019, unito al lento ritorno dei turisti, anche stranieri, rappresentano motivi di fiducia − concorda Francesca Recine, presidente Fismo − il settore moda, rispetto ad altri, è meno interessato dalle restrizioni necessarie al contenimento della pandemia ma, in compenso, continua a doversela vedere con vecchi problemi: uno su tutti, quello di un periodo dei saldi troppo anticipato, che spezza sul nascere il trend stagionale e impedisce ai negozi di marginare adeguatamente».

Luci ed ombre anche per i negozi di generi alimentari, come spiega Alfonsa Carvelli, presidente Fiesa: «Il consumo sul posto ha avuto un andamento altalenante a seconda dei periodi di maggiori o minori restrizioni e, verso la fine dell’anno, è tornata a crescere la quota rappresentata dal delivery. Anche sotto Natale, pur lavorando abbastanza, siamo rimasti bene al di sotto del consueto giro d’affari, riscontrando un sensibile calo nel potere d’acquisto delle famiglie e una riduzione del numero medio di commensali che ha inciso negativamente sugli ordini: un dato condizionato, a sua volta, dal giro di vite contro gli assembramenti».

Alessandro Simone, presidente Fiepet, si sforza comunque di vedere nella crisi del Covid-19 un’occasione di crescita per i pubblici esercizi: «Siamo ancora lontani dai numeri precedenti alla pandemia, ma il secondo semestre del 2021, pur segnato dall’incertezza a ridosso delle festività, ci induce a guardare con ottimismo per il futuro: quanto successo negli ultimi due anni, inevitabilmente, ha accelerato un processo di rinnovamento che era già in atto, con molti pubblici esercizi che hanno investito in tecnologia, spazi esterni e formazione del personale».

E proprio la formazione è tema caro ad Alessio Maloni, coordinatore dei Giovani imprenditori Confesercenti: «Le difficoltà inedite che abbiamo dovuto affrontare hanno reso ancora più evidente l’importanza di un adeguato percorso formativo e specialistico per qualunque tipo di attività imprenditoriale perché, in un contesto di estrema incertezza come quello odierno, sopravvive solo chi sa garantire all’utenza professionalità e qualità del servizio».

Per quanto riguarda gli ambulanti, Marisa Carrea, referente Anva per il comparto Fiere, sostiene: «Gli operatori su aree pubbliche con un posto fisso nei mercati rionali, pur dovendosi destreggiare tra le necessarie misure di sicurezza, hanno ripreso a lavorare tirando una boccata d’ossigeno dopo l’annus horribilis 2020, mentre i cosiddetti “fieristi”, coloro cioè che svolgono la loro attività prevalentemente in occasione di fiere e sagre, hanno continuato a subire gravi perdite in seguito alla soppressione della maggior parte degli eventi di questo tipo, della confusione generatasi per le modalità di accesso alle manifestazioni e nell’uso del green pass e, in generale, per una crescente propensione agli acquisti online. Va comunque riconosciuto al Comune di Genova di aver risposto alle nostre richieste di aiuto per gli ambulanti e, soprattutto, per gli stessi fieristi, concedendo loro posteggi temporanei sparsi per la città. Inoltre il rapporto sinergico tra uffici comunali, assessorato e Anva ha comunque reso possibile l’organizzazione di diverse fiere in completa sicurezza. Il proposito per il 2022 è di promuovere iniziative di sensibilizzazione che riportino le persone ad acquistare nei negozi e nei mercati di quartiere, anche se le prime notizie che ci giungono da molti comuni italiani, con la cancellazione di molte fiere importanti, sono tutt’altro che incoraggianti».

Luci e ombre anche nel Tigullio. Enrico Castagnone, coordinatore di Confesercenti Tigullio, dice: «Inutile girarci intorno: speravamo che il 2021 fosse l’anno dell’uscita dalla crisi sanitaria ed invece, pur in presenza di decisi miglioramenti sul fronte del contenimento del virus e di una generale ripresa, siamo ancora ben lontani dal ritorno alla normalità. Confesercenti si è sempre adoperata per non far mai venire meno la propria vicinanza agli operatori economici, associati e non, e farsi portavoce delle istanze dei commercianti».

Tra le iniziative messe in campo nell’anno appena concluso, Castagnone ricorda il rilancio del mercato agroalimentare di Chiavari, che viene riproposto mensilmente in via Rivarola e valorizzato da iniziative collaterali che coivolgono anche i commercianti in sede fissa; la pedonalizzazione dei centri storici sulla falsariga dell’esempio genovese e l’attivazione dello sportello di consulenza per l’iscrizione al registro delle Botteghe storiche e dei locali di tradizione, che ha esteso agli altri comuni del territorio la formula sperimentata con successo a Sestri Levante.

«In generale − afferma Castagnone − Confesercenti è presente ai principali tavoli di confronto, tanto con gli stessi operatori, che con le istituzioni: tra i temi caldi di queste settimane c’è, ad esempio, la questione dei lavori alla galleria delle Ferriere. Il cantiere avrà pesanti ripercussioni sulla viabilità, in particolare della provinciale 77, e in questo senso riteniamo che la chiusura completa del tunnel per un periodo limitato sia preferibile ad un senso unico alternato, se utile ad accorciare sensibilmente la durata dei lavori stessi. La cosa più importante, ribadita a gran voce alla Città Metropolitana, è però che Autostrade per l’Italia non apra altri cantieri tra Chiavari e Genova per tutta la durata dei lavori alle Ferriere, perché non possiamo permetterci un’altra paralisi del traffico come quella della scorsa estate, che metterebbe definitivamente in ginocchio l’appeal turistico del nostro territorio e avrebbe costi insostenibili per la nostra economia».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.