Recinzioni e barriere tra i mezzi utilizzati in Liguria  per arginare l’epidemia da peste suina.

«Tra le azioni predisposte nella task force regionale in questi giorni per evitare il propagarsi di una malattia letale per cinghiali e suini – spiega il vicepresidente della Regione Alessandro Piana – cerchiamo di sfruttare al massimo l’orografia territoriale e le barriere attualmente presenti sul territorio nel delimitare l’area critica. Per questo, al fine di salvaguardare la pubblica incolumità e per continuare a garantire una barriera efficace alla circolazione della fauna selvatica, ho chiesto ad Autostrade per l’Italia la verifica e, se necessario, il ripristino delle recinzioni di protezione delle carreggiate. Un intervento fondamentale ad esempio nei tratti dell’A26, da Genova Prà sino alla bretella di Predosa che si collega con l’A7, dove si concentrano i casi accertati. Già dalle prime interlocuzioni ho trovato ampia disponibilità al confronto operativo con obiettivi comuni».

Piana ricorda che «Anche altri Paesi per controllare l’epidemia hanno rafforzato e predisposto recinzioni e barriere, che si sono dimostrate utili per il confinamento degli animali».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.