Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea e Sinistra Anticapitalista hanno deciso di proporsi come lista unitaria per le comunali genovesi, alternativa sia alla destra del duo Bucci-Toti, che al centrosinistra identificabile nel Pd e nei suoi alleati.
La lista, che sarà presente anche nelle elezioni municipali, sarà aperta alle altre organizzazioni, comitati, associazioni, movimenti, nonché singoli attivisti, militanti e cittadini che vorranno portare contributi di idee, di esperienza e di lotta, relativamente ai principali obiettivi programmatici dichiarati dalle tre realtà:
Tutela e rivalutazione sia delle periferie cittadine che delle periferie sociali e delle loro fragilità; tutela del lavoro e dell’occupazione, progressive reinternalizzazioni nei servizi comunali e nelle aziende collegate, lotta alla precarietà in tutte le sue forme, difesa e potenziamento quantitativo e qualitativo dei livelli occupazionali nell’industria e nei servizi; tutela dell’ambiente e cura del territorio, lotta alla cementificazione, recupero a fini sociali del patrimonio abitativo dismesso; blocco di privatizzazioni ed esternalizzazioni (comprese quelle prospettate nel Ddl concorrenza); rivalutazione del trasporto pubblico locale, attraverso un programma integrato ferro/gomma che non preveda tagli alle linee collinari, alle percorrenze, alle frequenze; contrarietà, per ragioni ambientali, di sicurezza e occupazionali, alla collocazione dei depositi chimici a Sampierdarena (ponte Somalia) e in ogni caso a distanza non sicura da abitazioni o altre attività lavorative; antifascismo, passaggio obbligato per una città medaglia d’oro della Resistenza, vilipesa da ripetute iniziative sia della Giunta Bucci che della sedicente opposizione.
“Vogliamo portare nel consiglio comunale e nei Municipi voci discordanti rispetto ai dettami economici e sociali perseguiti a livello nazionale dal governo Draghi − si legge nella nota congiunta − abbiamo bisogno che tutte le voci presenti nei nostri quartieri, di ferma opposizione alle politiche urbanistiche, trasportistiche, economiche e sociali, trovino eco anche nelle stanze delle istituzioni comunali: una sinistra di classe, di alternativa, di opposizione ai poteri forti che da decenni determinano le scelte politiche e che hanno fatto sì che si accettasse supinamente di svuotare Genova da lavoro di qualità, da presidi sociali, sanitari e culturali, come da qualsiasi cosa che rappresenti e dia vita alla rete di relazioni non mercantili, base per un miglioramento della qualità della vita dei suoi abitanti”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.