Le dichiarazioni del presidente della Federal Reserve Jerome Powell che l’economia Usa non ha più bisogno di una politica monetaria espansiva, e che «se saranno necessari aumenti più aggressivi dei tassi per raffreddare l’inflazione, la Fed li farà» non hanno sorpreso i mercati finanziari e le Borse europee hanno chiuso in rialzo.

Il Ftse 100 di Londra segna + 0,62%, il Cac 40 di Parigi +0,95%, il Dax 40 di Francoforte +1,10%, il Ftse Mib di Milano +0,67%.

Lo spread Btp(Bund si attesta su 139 punti +2,70%).

A Piazza Affari Atlantia (+3,57%) si piazza in testa al Mib, seguita da Saipem (+2,79%), che ha annunciato di essersi aggiudicata due nuovi contratti offshore in Australia e in Guyana, per un valore complessivo di 1,1 miliardi di dollari. Bene anche il risparmio gestito. In moderato rialzo Bper (+0,73%), dopo che il Fitd ha deciso di concederle un periodo di esclusiva di quattro settimane per rendere vincolante l’offerta presentata per Carige. La banca ligure (-11,25%) ha subito un allineamento al prezzo dell’opa sulle quote di minoranza, annunciato da Bper a 0,80 euro per azione.

Sul mercato valutario, l’euro tratta a 1,1364 dollari (1,1336 dollari in avvio e 1,1326 ieri in chiusura) e a 131,102 yen (130,61 e 130,40) mentre il dollaro vale 115,361 yen (115,24 e 115,13).

In rialzo il prezzo del greggio, il contratto scadenza marzo sul Brent del Mare del Nord sale del 2,83% a 83,16 dollari al barile e quello consegna febbraio sul Wti del 3,12% a 80,67 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.