L’Ispettorato Nazionale del Lavoro sta costruendo una banca dati che gli consentirà di controllare agevolmente e con verifiche mirate i rapporti di lavoro autonomi occasionali.

Con la nota 11.1.2021 (vedi qui), l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha reso noti gli indirizzi territoriali (vedi qui) e le seguenti modalità con le quali trasmettere la comunicazione obbligatoria:

Denominazione

Codice Fiscale

COMMITTENTE

PRESTATORE

Data inizio

Data fine

Sintetica descrizione attività

Luogo prestazione

Ammontare compenso

 

La comunicazione va effettuata via e-mail con indicazione, nel corpo della e-mail stessa, delle informazioni minime obbligatorie (committente, prestatore, inizio, fine, descrizione attività, luogo, compenso).

In mancanza, anche di una sola delle informazioni succitate, la comunicazione viene considerata omessa.

Per le prestazioni effettuate dal 21 dicembre 2021 al 11 gennaio 2022 è possibile trasmettere le comunicazioni entro il 18 gennaio 2022.

È necessario valutare attentamente la effettiva genuinità della prestazione, poiché, in considerazione della specificità dei dati contenuti nella comunicazione, è ipotizzabile una eventuale verifica ispettiva.

Di seguito alcune tra le principali differenze tra lavoro subordinato e lavoro autonomo occasionale:

lavoro subordinato

lavoro autonomo occasionale

orario di lavoro

si

no

retribuzione

a tempo

per obiettivi

controllo gerarchico

si

no

sanzioni disciplinari

si

no

obbligo di fornire un risultato

no

si

svolgimento di una mansione

si

no

continuità della prestazione

si

no

obblighi sicurezza D. Lgs. 81/08

si

si

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.