Gismondi 1754, storica società genovese che produce gioielli di altissima gamma, quotata alla Borsa di Milano, chiude i 12 mesi del 2021 con ricavi pari a 9.745.606 euro, mettendo a segno un +48% rispetto ai 6.578.030 euro del 2020.

Nel quarto trimestre 2021, Gismondi 1754 ha riportato un fatturato gestionale consolidato totale pari a 3.996.320 euro, in aumento del +28,51%, rispetto ai 3.109.850 euro del quarto trimestre 2020. Alla crescita del venduto nel quarto trimestre -pari a +595.777 euro – hanno principalmente contribuito il canale Wholesale Europa (+135%) e USA (+186%). Di particolare rilievo, inoltre, le performance del negozio di St. Moritz (+1496%), che mitiga le difficoltà dei negozi di Portofino e Genova, che risentono in questa fase della tipica stagionalità delle location, così come Milano, che ha pagato anche le chiusure forzate del mall in cui è inserito.

I risultati del quarto trimestre vanno a comporre un quadro d’insieme sull’intero 2021 che ha dimostrato un costante trend di crescita della società.

Analizzando i dati per canali di vendita sui 12 mesi, la crescita del 2021 è stata spinta dal canale Wholesale europeo (+1.957.203 euro rispetto al 2020) e dal Wholesale Usa (+1.002.769 euro rispetto al 2020). Unico canale in leggera flessione l’Wholesale Medio Oriente, in attesa che ripartano a pieno regime i nuovi ordini. Per quanto riguarda le special sales – il “su misura” di Gismondi 1754 – l’anno 2021 si è chiuso in crescita del +16%, facendo registrare vendite per euro 3.952.188. Un risultato impreziosito ulteriormente nell’ultima settimana dell’anno, dove sono state realizzate special sales per oltre 1 milione di euro, anche grazie al canale e-commerce.

Analizzando i ricavi per aree geografiche, al 31 dicembre 2021 cresce percentualmente l’incidenza sul fatturato dell’area Italia, che nel quarto trimestre rappresenta il 26% dei ricavi rispetto al 16% dello stesso periodo 2020. L’Europa, complessivamente, vale circa il 53% del fatturato di Gismondi 1754, mentre è stabile l’incidenza degli altri Paesi, tra cui Russia (5%) e altri (13%).

Massimo Gismondi, ceo di Gismondi 1754, ha commentato: «Siamo di fronte a risultati straordinari, che certificano lo stato di crescita del Gruppo e del brand a prescindere dal difficile periodo economico. Tocchiamo quasi il +50% di crescita anno su anno e vediamo come tutti i canali di vendita hanno performato e contribuito in maniera positiva al raggiungimento di questi dati, segno dell’ottimo lavoro svolto in tutti i segmenti e del riconoscimento da parte dei clienti della qualità e della cura che mettiamo nella creazione di ogni nostro gioiello».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.