Via libera al finanziamento regionale per il settore apistico per l’acquisto di api regine e sciami, arnie, attrezzature, presidi sanitari e ricerche finalizzate alla lotta delle malattie in alveare. L’importo complessivo è di circa 102 mila euro, da fondi europei e nazionali, per l’annualità 2022.

«Dopo l’apertura nello scorso mese di dicembre di un bando per la formazione degli apicoltori e per l’assistenza tecnica specialistica, con questa misura si apre alla presentazione di domande – spiega il vicepresidente della Regione, Alessandro Piana – per la dotazione di api regine e sciami con oltre 45mila euro, l’acquisto di arnie con 25mila euro e l’equipaggiamento di attrezzature per l’apicoltura e presidi sanitari per 22 mila euro complessivi; viene inoltre avviato uno studio specialistico contro le malattie delle api.
Gli interventi si finanziano con una forbice di intensità dal 50 al 60% della spesa ammessa, mentre per le ricerche sul contrasto alle patologie dell’alveare si arriva al 100%. Priorità ai giovani apicoltori, a quelli in possesso di partita Iva e agli apicoltori con laboratorio di smielatura registrato. Questo sostegno al comparto apistico ligure, fondamentale per la salvaguardia della biodiversità e delle tradizioni, desidera contribuire al mantenimento degli alti standard qualitativi del miele ligure e della sua caratterizzazione».

Ciascun beneficiario (apicoltori singoli, associati e istituti di ricerca a seconda delle misure) potrà presentare una sola domanda di aiuto con un importo minimo complessivo non inferiore a 300 euro entro il 10 marzo. Gli interventi dovranno essere ultimati entro il 20 giugno, con l’esclusione delle ricerche finalizzate alla lotta contro i principali aggressori dell’alveare, il cui termine ultimo è il 29 luglio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.