9 progetti e oltre 40 soggetti coinvolti tra non profit e profit. Si chiude così la 17esima edizione del Premio per esperienze innovative di partnership sociali organizzata da Celivo e Confindustria Genova.

«In un periodo difficile come quello attuale, siamo molto contenti di questo buon risultato – afferma Simona Tartarini, direttrice del Centro di Servizio – Rispetto all’anno scorso abbiamo avuto il 30% in più di progetti presentati, che hanno coinvolto un numero considerevole di imprese, associazioni ed enti di terzo settore del nostro territorio. Un risultato che non ci aspettavamo ancora per il 2021 e che invece evidenzia un nuovo slancio e un ritrovato entusiasmo».

Il vincitore

Il Comitato Paritetico composto da rappresentanti di Celivo e di Confindustria Genova ha proclamato vincitore “Vico Angeli 21R: un luogo di riuso e di libertà creativa” realizzato da Sc’Art APS e Amiu spa.

Vico Angeli 21r è un laboratorio di design creativo dove le donne detenute presso la Casa Circondariale di Genova Pontedecimo, anche in affidamento esterno, e le donne tornate libere, trovano un luogo di relazione, di formazione e di inserimento lavorativo. Nel laboratorio si realizzano borse, accessori di moda e complementi di arredo con il marchio “Creazioni al fresco”, utilizzando gli striscioni pubblicitari dismessi e la tela degli ombrelli rotti. Il laboratorio è aperto al pubblico per gli acquisti dal lunedì al sabato.

Amiu collabora con Sc’Art dal 2014 e ha messo a disposizione persone nell’ambito della comunicazione e della logistica, luoghi (Fabbrica del riciclo, Vico Angeli 21 r, Isole ecologiche), servizi (raccolta ombrelli rotti, manutenzione locali) e opportunità di sviluppo (Centro del riuso Surpluse – Progetto europeo Force). Ha inoltre favorito l’inserimento di Vico Angeli 21r. nel Piano integrato del Comune di Genova “Caruggi”.

Il progetto soddisfa tutti i criteri stabiliti dal bando ed è coerente con i Goal 4,5,8,11 e dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

«Questo riconoscimento premia un lavoro comune, centrato su Educazione ambientale e inserimento socio-lavorativo, con particolare attenzione alle persone in condizione di vulnerabilità sociale, che trovano in vico Angeli 21r. un luogo di cura in un contesto territoriale di comunità», afferma Etta Rapallo, presidente di Sc’Art.

«Questo premio è un riconoscimento sincero, partecipe e profondo dell’impegno che associazioni come Sc’Art hanno profuso nel tempo verso persone, attività, ambiente della nostra città. Amiu deve essere orgogliosa di aver sostenuto e sostenere, da tempo, persone e attività di tale calibro e spessore. Perché il bene va coltivato, diffuso e aumentato grazie allo sforzo silenzioso di tanti soggetti che agiscono per ottenere risultati duraturi nel tempo. Queste organizzazioni hanno un fondamentale ruolo nei vari luoghi dove svolgono la loro missione e non possiamo far altro che esortare a vivere, condividere e replicare esperienze così nobili», aggiunge Pietro Pongiglione, presidente Amiu Genova.

La menzione speciale

Il Comitato Paritetico ha assegnato una menzione speciale al progetto “INclusive TOURism” (IN-Tour) nato dalla sinergia di AISM, Si4Life e Università di Genova, finalizzato a definire, formalizzare e validare il curriculum europeo per due nuove figure professionali, in particolare ITM (Inclusive Tourism Manager) e ITFS (Inclusive Tourism Frontline Staff). Con IN-TOUR si vuole rispondere all’esigenza crescente del mercato turistico di formare professionisti in grado di supportare Enti e Aziende nel campo dell’accessibilità intesa come capacità di una struttura di rendere fruibili i propri contenuti e servizi a prescindere dalla fragilità/disabilità dei propri visitatori/clienti.

La premiazione online

La cerimonia di assegnazione del premio è avvenuta questa mattina nella sede di Confindustria solo con i rappresentanti e trasmessa via Facebook dalle pagine di Confindustria Genova e Celivo. La vicepresidente di Confindustria Genova Nicoletta Viziano ha consegnato un assegno di mille Euro a Sc’Art APS con un commento rivolto sia al vincitore sia a tutti i progetti presentati: «Siamo piacevolmente stupiti per il numero e la qualità dei progetti candidati in questa 17esima edizione del Premio, segno che mondo dell’impresa e Terzo Settore possono condividere valori e obiettivi e lavorare insieme per raggiungerli. Il nostro riconoscimento va a “Vico Angeli 21r” per l’importante e concreta opportunità che offre alle donne detenute o tornate libere, favorendo il loro re-inserimento sia dal punto di vista sociale che lavorativo. Nell’anno in cui Amiu ha tappezzato la città lo slogan “voglio rifarmi una vita”, il progetto vincitore incarna proprio questo slogan: ridà una vita a tanti materiali altrimenti destinati alla spazzatura e ridà una nuova opportunità alle tante persone coinvolte nel laboratorio anche attraverso accordi con il carcere femminile, sposando perfettamente la sostenibilità ambientale con quella sociale. È davvero l’anno giusto per assegnargli il premio Celivo-Confindustria. Abbiamo riservato poi una menzione speciale al progetto “IN-TOUR” perché interviene su due tematiche di grande rilevanza: formazione specifica per nuove figure professionali e inclusione di persone con fragilità».

Qui maggiori informazioni sui progetti partecipanti

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.