Chiusura positiva per le principali borse europee, dopo la diffusione dei uno studio dell’Imperial Collge di Londra per cui la variante Omicron del Covid sarebbe più contagiosa ma meno letale rispetto alle precedenti.

Il Cac 40 di Parigi segna + 0,77%, il Ftse 100 di Londra +0,48%, il Dax 40 di Francoforte +1,02%, l’Ibex 35 di Madrid +1,25%, il Ftse Mib di Milano +0,70%.

Lo spread Btp/Bund si attesta a 135 punti +0,99%.

A Piazza Affari brilla Cnh (+3,45%) nel giorno in cui si è tenuta l’assemblea straordinaria dei soci per dare il via libera alla scissione di Iveco, seguita da A2A (+1,51%), Pirelli (+1,36%), Generali (+1,33%) dopo che il patto tra Francesco Gaetano Caltagirone, Leonardo Del Vecchio e Fondazione Crt ha quasi raggiunto il 16% del capitale della compagnia. In fondo al listino principale Recordati (-1,34%), Tim (-1,24%), Bper (-,87%).

Sul fronte dei cambi, l’euro passa di mano a 1,1317 (ieri a 1,1327) e vale 129,40 yen (129,39), mentre il cambio dollaro/yen è stabile a 114,34 (114,21).

In moderato rialzo il prezzo del petrolio con il Wti, contratto di febbraio, che si attesta a 72,9 dollari al barile (+0,3%) e il Brent a 75,6 dollari (+0,4%

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.