Ricavi pari a 4.536 milioni di euro, in crescita di oltre il 28% ed ebitda +65%, carico di lavoro complessivo di euro 36 miliardi, ordini acquisiti nel periodo per 2,3 miliardi di euro, guidance 2021 pienamente confermata. È quanto risulta dai risultati economico-finanziari al 30 settembre 2021 di Fincantieri.

Il carico di lavoro complessivo è pari a 36,0 miliardi, circa 6,9 volte i ricavi del 2020 con ordini acquisiti per euro 2,3 miliardi: il backlog al 30 settembre 2021 è pari a euro 26,6 miliardi (euro 26,9 miliardi al 30 settembre 2020) con 92 navi in portafoglio e il soft backlog a circa euro 9,4 miliardi (euro 9,9 miliardi al 30 settembre 2020)

A margine della riunione del consiglio Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, ha commentato: «Continua la crescita del Gruppo garantita dal carico di lavoro esistente, frutto della nostra politica di mantenimento degli ordini anche nel periodo di crisi indotto dalla pandemia. Abbiamo raggiunto una marginalità tra le più alte del settore che, al pari dei volumi, puntiamo ad incrementare ulteriormente, anche grazie agli ingenti investimenti che stiamo realizzando in tutti i nostri siti. Le nostre capacità progettuali e organizzative sono tra le migliori al mondo e i nostri cantieri sono all’avanguardia per capacità realizzative e per gli alti livelli di qualità raggiunti. Ciò deriva principalmente dal senso di appartenenza che tutti i nostri dipendenti hanno acquisito. Siamo preparati per affrontare gli anni a venire con moderato ottimismo, anche in virtù del massiccio ingresso di giovani, avvenuto negli ultimi tempi, capaci di interiorizzare rapidamente la cultura aziendale e le competenze necessarie per sviluppare il lavoro».

Bono ha poi concluso: «Nell’immaginario collettivo la nave è una visione, costruirla richiede professionalità che vanno continuamente implementate, ma occorre anche una grande passione. Sento quindi il dovere di ringraziare tutto il personale di Fincantieri e del nostro network di fornitori che ci consentono di mantenere le leadership mondiali acquisite, profondendo un impegno già rivolto a pianificare le azioni che vanno programmate per garantirci un futuro sostenibile e di crescita. Sono sicuro che in questo compito potremo contare come sempre sui nostri azionisti e sulle numerose aziende che con noi collaborano in un sistema organizzativo ampiamente collaudato».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.