Si chiama Anchor (ANalisi di risCHio e crOwd modelling di teRminal portuali) il primo progetto finanziato nell’ambito del secondo bando di Start 4.0 per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in tema di tecnologie abilitanti 4.0 per la sicurezza delle infrastrutture critiche. La pmi genovese Stam srl (www.stamtech.com) è l’azienda capofila del progetto e collaborerà con Dgs spa (www.dgsspa.com) e La Sia spa (www.lasia.it) alla realizzazione di una piattaforma integrata per il monitoraggio del rischio di infrastrutture critiche come la Stazione Marittima di Genova, situata presso Ponte dei Mille. Il finanziamento è di quasi 170 mila euro.

Quest’area risulta essere un nodo particolarmente critico se si considerano i transiti registrati. Nel 2019 (in un contesto pre-pandemia da Covid-19) sono transitati da questa area circa un milione di crocieristi, con picchi giornalieri superiori ai 10.000 transiti.

Proprio sulle aree portuali dedicate ai passeggeri è focalizzata l’attenzione del progetto. L’interesse dimostrato da stakeholder come l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale e Costa Crociere testimonia il interesse che orbita intorno alla protezione e la sicurezza di infrastrutture critiche come i terminal portuali e crocieristici. La digitalizzazione nel contesto di infrastrutture critiche, come stazioni ferroviarie, aeroporti o terminal portuali si porta dietro un tema importante relativo al tema sicurezza e cybersecurity.

Anchor sarà quindi uno strumento volto a incrementare il livello di protezione dei cittadini, professionisti in servizio in queste aree ad alta criticità e le stesse infrastrutture. Il progetto, in pieno svolgimento, produrrà l’output nei tempi previsti di giugno 2022. Al termine, dopo le verifiche, potrà iniziare l’auspicabile fase di industrializzazione dei prototipi.

La piattaforma sviluppata integrerà tre componenti ad alto contenuto tecnologico. Stam metterà a disposizione del progetto le competenze in tema di modellazione ad agenti, che verrà applicata per la realizzazione di un modello volto a simulare il comportamento della folla in diversi scenari sia ordinari (afflussi in giornate di picco e non) che straordinari (eventi o situazioni di emergenza ed evacuazione causati, ad esempio, da attacchi terroristici e relative evacuazioni) per valutare gli impatti sugli utenti e sui processi/servizi presenti.

Gli output del modello saranno poi utilizzati da Dgs, che metterà a disposizione le sue competenze in materia di risk assessment per la valutazione dei rischi relativi al mondo della cyber-security seguendo lo standard ISO/IEC 27001 e dei rischi di carattere prettamente fisico. I risultati dell’analisi di rischio potranno essere consultati attraverso l’interfaccia della piattaforma che sarà basata su un modello Bim (Building Information Modelling) dell’area di studio che verrà sviluppato da La Sia.

L’interfaccia, composta da una dashboard tridimensionale, permetterà all’utente di visualizzare i risultati relativi al risk assessment. L’interfaccia utente di Anchor risulterà particolarmente intuitiva per l’utente che potrà trovare facilmente gli asset presenti nell’area di studio navigando e cliccando semplicemente sugli oggetti 3D presenti. Inoltre, a ogni oggetto rappresentativo delle aree, degli edifici, dei servizi e in generale delle infrastrutture sarà associato un colore in accordo con una scala cromatica per una visualizzazione grafica dei valori di rischio associati. Questa visualizzazione consentirà all’utente di identificare rapidamente le aree e gli asset più esposti e vulnerabili.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.