Con una dinamica in crescita del 48,1%, la Liguria è prima in Italia per variazione positiva di assunzioni previste dalle micro e piccole imprese tra settembre e novembre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2019. I nuovi ingressi nelle piccole realtà produttive liguri rappresentano il 62,2% del totale delle entrate previste nel periodo, che, in questo caso, risultano in crescita del 30% rispetto a settembre-novembre 2019.

È quanto emerge dall’ultima analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato, che ha preso in esame i più recenti dati Unioncamere-Anpal, Sistema informativo Excelsior.

Le micro e piccole imprese, a livello regionale così come nel resto d’Italia, si dimostrano un traino della ripresa della domanda di lavoro: nel Paese rappresentano il 62,5% delle nuove assunzioni previste nel trimestre in corso, che crescono del 27% rispetto allo stesso periodo del 2019, contro una dinamica del +23% registrata dalle nuove assunzioni totali.

Analizzando il dettaglio dei settori, sono le costruzioni a crescere maggiormente in termini di richiesta di nuove figure professionali, con un trend nazionale che, nel trimestre, registra un aumento del 57,6% rispetto allo stesso periodo del 2019. Ciò si traduce, in valori assoluti, in 32.563 addetti in più. «Come già abbiamo evidenziato – osserva Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Questa vivacità del settore è fondamentalmente dovuta agli incentivi fiscali che hanno messo le ali al settore, ma c’è anche un rovescio della medaglia: la scarsità di materie prime, e il conseguente caro prezzi, e la difficoltà di trovare la manodopera adeguata. Fattori che incidono pesantemente sui carichi di lavoro delle singole imprese».

Proprio quella dell’operaio specializzato è una delle figure più difficili da trovare, con il 44,6% delle entrate di difficile reperimento a settembre 2021 (dal 36,5% di settembre 2019). Nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici, la difficoltà di trovare questa figura professionale è passata dal 31,6% del 2019 al 43,7%, con una crescita di 12,1 punti base.

In Liguria, guardando l’insieme delle figure professionali richieste, il 33,5% è difficile da trovare. Una percentuale cresciuta di circa 6 punti base dal 2019 e dal 2020, anni in cui la difficoltà di reperimento è rimasta sostanzialmente stabile.

«Occorre lavorare per favorire sempre di più l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e spingere su una formazione mirata alle esigenze delle piccole imprese. È un esempio virtuoso il bando sperimentale “match point” della Regione Liguria, che auspichiamo sia rifinanziato e messo a regime, visto che ha esaurito le risorse solo in un mese di apertura», conclude Grasso.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.