La Russia ha “fame” di aziende che vogliano investire localizzandosi sul suo territorio e per questo ha messo in campo una serie di agevolazioni fiscali e diverse opportunità. Sapersi muovere in uno Stato così grande e diverso dall’Italia è però complicato per una piccola e media impresa e per questo la Camera di Commercio di Genova ha organizzato un incontro “Russia: cambiamenti e opportunità” a cui ha partecipato Aimone di Savoia, da 27 anni manager laggiù.

Attuale vicepresident di Pirelli Tyre per il mercato di Russia, Scandinavia, Medio Oriente, Africa e India, Aimone di Savoia è delegato dal co-presidente per la parte italiana del Comitato imprenditoriale italo-russo per la cooperazione economica, emanazione della Camera di Commercio italo-russa che raggruppa le diverse imprese, divise per settori merceologici.

«La Russia non è più la land of opportunities per l’export, ma stimola gli investimenti e lo fa in sicurezza», spiega: il Governo ha istituito zone economiche speciali, dove è possibile usufruire di incentivi fiscali, doganali e amministrativi, finanziamenti se l’impresa decide di localizzare, ombrelli protettivi, agevolazioni sulle rate di finanziamento bancarie, oltre a supporti locali dei singoli Comuni sulla digitalizzazione.

In mattinata Aimone di Savoia ha esaminato l’argomento con il sindaco di Genova Marco Bucci e il settore della cantieristica navale e nautica è sembrato quello più adatto per una prospettiva a livello di business.

«L’export italiano in Russia ammontava a nove miliardi prima delle sanzioni – ricorda – ridotto poi a sette a causa soprattutto della riduzione dell’agroalimentare. Ora l’export è tornato a nove miliardi, ma la bilancia commerciale nei suoi alti e bassi dipende più dal potere d’acquisto dei russi determinato dai prezzi del petrolio e del gas che dalle sanzioni e controsanzioni».

Proprio l’agroalimentare sarà oggetto di un primo tentativo di sottoporre ai due governi progetti di filiera. La data è quella del 6 dicembre. «Pirelli sta già assumendo un ruolo di capofiliera  nel proprio ambito», afferma, l’agroalimentare ha un largo margine di crescita ma sono molti i comparti produttivi italiani che in Russia hanno possibilità di affermarsi.

Sono oltre 400 le imprese italiane in Russia. I settori in cui sono attive le aziende italiane sono: agroalimentare (tra cui InalcaCremonini, Parmalat, Ferrero, Zuegg, Perfetti, Colussi, De Cecco), automobilistico (tra cui Fiat-Iveco, Pirelli), elettrodomestici (tra cui Indesit, Candy, Ariston, de Longhi), edilizia-infrastrutture-trasporti (tra cui Mapei, Marazzi, Buzzi Unicem, Astaldi, Rizzani De Eccher, Salini, Merloni progetti), energetico (Eni-Saipem, Enel, Coeclerici), metallurgico (Techint, Danieli, Marcegaglia), petrolchimico (Technimont), farmaceutico (Menarini) ma anche aerospaziale-difesa-telecomunicazioni e dell’alta tecnologia (Leonardo e le sue ex controllate, Italtel, Technosystem). Nel 2012 Fiat si è accordata con Sberbank per la produzione della Jeep a San Pietroburgo. Un altro esempio è la fabbrica per la produzione di lavatrici a Lipeck, costruita dall’italiana Indesit nel 2004, la produzione di piastrelle in ceramica a Stupino (regione di Mosca) costruito dalla Marazzi.

Scambi Commerciali (Russia), fonte: Governo italiano

Export italiano verso il paese:
RUSSIA
2018 2019 2020 gen-giu 2020 gen-giu 2021
Totale (mln. €) 7.566,7 7.881,99 7.100,64 3.191,43 3.615,04
Variazione (%) -4,9 4,2 -9,9 13,3
Merci (mln. €) 2018 2019 2020
Prodotti dell’agricoltura, pesca e silvicoltura 39,08 40,29 37,82
Prodotti delle miniere e delle cave 5,22 5,34 4,79
Prodotti alimentari 343,45 346,83 361,29
Bevande 132,82 166,17 173,02
Tabacco 46,25 38,69 15,81
Prodotti tessili 110,35 95,74 78,67
Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 948,57 909,88 757,8
Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 447,94 398,67 335,4
Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 36,99 36,23 27,11
Carta e prodotti in carta 73,89 68,29 51,84
Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 1,36 1,09 0,81
Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 29,73 16 16,05
Prodotti chimici 588,17 574,42 571,3
Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 274,02 603,37 374,39
Articoli in gomma e materie plastiche 227,51 228,62 208,13
Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 151,37 152,77 158,03
Prodotti della metallurgia 151,36 166,38 154,62
Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 336,58 363,03 327,72
Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi 136,03 124,82 137,9
Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 493,72 490,58 455,15
Macchinari e apparecchiature 2.047,92 2.204,19 1.959
Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 228,27 240,44 208,76
Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 191,66 91,86 217,49
Mobili 363,07 348,88 299,39
Prodotti delle altre industrie manufatturiere 178,26 192,73 146,28
Altri prodotti e attività 12,25 12,49 22,32
Elaborazioni Ambasciata d’Italia su dati Agenzia ICE di fonte ISTAT.

Scambi Commerciali (RUSSIA)

Import italiano dal paese:
RUSSIA
2018 2019 2020 gen-giu 2020 gen-giu 2021
Totale (mln. €) 14.969,91 14.324,03 9.328,84 5.211,55 6.686,94
Variazione (%) 21,2 -4,3 -34,9 28,3
Merci (mln. €) 2018 2019 2020
Prodotti dell’agricoltura, pesca e silvicoltura 85,97 59,81 72,83
Prodotti delle miniere e delle cave 11.488,63 9.988,43 5.777,93
Prodotti alimentari 85,69 82,25 92,01
Bevande 2,01 0,89 0,82
Prodotti tessili 5,16 3,34 4,88
Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 5,67 4,74 1,75
Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 30,97 25,4 12,54
Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 89,59 78,3 62,69
Carta e prodotti in carta 119,63 100,9 104,24
Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 1.714,13 1.282,74 1.030,68
Prodotti chimici 186,64 177,26 162,16
Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 3,46 3,19 4
Articoli in gomma e materie plastiche 50,02 52,31 54,56
Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 14,93 15,92 10,52
Prodotti della metallurgia 2.123,77 2.321,01 1.830,82
Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 6,32 7,45 10,44
Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi 8,53 15,68 8,09
Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 27,54 36,84 27,63
Macchinari e apparecchiature 23,4 22,31 23,56
Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 2,34 4,45 2,59
Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 8,68 10,78 3,66
Mobili 14,75 8,56 6,81
Prodotti delle altre industrie manufatturiere 2,79 2,16 0,93
Altri prodotti e attività 30,55 19,35 22,97
Elaborazioni Ambasciata d’Italia su dati Agenzia ICE di fonte ISTAT.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.