«Basta davvero col gioco delle parti, le dichiarazioni, le frenate e le fughe in avanti. I lavori del Terzo Valico sono ormai il teatro dell’assurdo: un’opera che tutti, a parole, dicono di volere, fondamentale per il porto e per l’intera regione, ma non solo per la Liguria. Un’opera che ha i finanziamenti a disposizione e che si ferma perché 300 lavoratori vengono messi in cassa integrazione. Per cosa? Perché il general contractor e l’impresa realizzatrice sono in conflitto tra loro».

Lo dichiarano in una nota il segretario generale della Cisl Liguria Luca Maestripieri e il segretario generale della Filca Cisl Liguria Andrea Tafaria.

«Ringraziamo – conclude la nota – il viceministro Bellanova per le parole dette ieri, ma ci aspettiamo qualcosa di più: ci aspettiamo che il Governo faccia sentire la sua voce e faccia in modo che si componga il dissidio con tutta la forza che ha. I lavoratori e il territorio hanno terminato la pazienza già da un pezzo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.