I lavoratori delle riparazioni navali del Porto di Genova e la Fiom Cgil provinciale ricordano che “a causa di lungaggini burocratiche tra Autorità di Sistema Portuale e Comune di Genova, all’interno dell’area industriale del porto di Genova non è ancora attivo l’ambulatorio medico“.

“A questa grave condizione – si legge nella nota sindacale – si aggiunge il fatto che da alcune settimane è stato chiuso il parcheggio sito all’interno delle riparazioni con grandi disagi per i lavoratori i quali, già oggi, per accedere con l’auto all’interno dell’area devono anche pagare un canone annuale. Tutto questo è inaccettabile”.

Al Comune di Genova, insieme all’Autorità Portuale, le rsu Riparazioni Navali del Porto di Genova chiedono di “risolvere nel più breve tempo possibile il problema legato all’ambulatorio medico e per quanto riguarda il parcheggio rifiutano il “privilegio” del posto auto a pagamento, lo spazio destinato alla sosta dei veicoli all’interno delle riparazioni navali è stato pensato per i lavoratori che ne hanno sempre usufruito gratuitamente e così deve continuare a essere: non un posto di meno, non un euro di più”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.