1.934 microimprese artigiane, 4.663 dipendenti. È la fotografia della filiera auto in Liguria, scattata dall’Ufficio studi di Confartigianato, su dati Unioncamere-Infocamere, aggiornati al secondo trimestre 2021. Un settore che ha subito una decisa contrazione negli ultimi due anni, anche in conseguenza alle ripercussioni negative della diffusione del Covid-19: -3,4% la variazione percentuale rispetto al secondo trimestre 2019, -1,3% rispetto allo stesso periodo del 2020.

A livello provinciale, Genova (974 microimprese della filiera) è tra le province che registrano il calo più pesante: -4,7% sul 2019, -2,3% sul 2020. Segue Savona (375 realtà della filiera), diminuite del 4,6% rispetto al 2019 e del 2,6% rispetto al 2020. Ha tenuto Imperia, che conta 333 microimprese, invariate rispetto all’anno scorso, ma con ancora l’1,2% da recuperare rispetto al 2019. Alla Spezia si contano invece 252 microimprese artigiane della filiera, in crescita del 2,9% rispetto al 2020 e dello 0,4% sul 2019.

Per quello che riguarda l’ampio settore della manutenzione e riparazione di autoveicoli, nella nostra regione si contano 1.722 microimprese artigiane: al secondo trimestre 2021 il settore risulta in calo dell’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2020, -3% sul 2019.

860 di queste realtà artigiane lavorano in provincia di Genova (-4,1% sul 2019, -2,2% in confronto al 2020), 336 a Savona (in diminuzione del 4,3% rispetto al 2019 e del 2,3% rispetto al 2020). Ancora, 295 si trovano a Imperia, stabili rispetto all’anno scorso, -1% sul 2019. Alla Spezia, 231 realtà artigiane, si riflette l’andamento dell’intera filiera, con una crescita del 3,6% rispetto al 2020 e dello 0,9% sul 2019.

«Nonostante le difficoltà, i nostri artigiani restano in prima linea per garantire la sicurezza stradale – commenta Vincenzo Ciliberti, presidente regionale e nazionale dei Revisori Auto di Confartigianato – abbiamo dimostrato la capacità di poter gestire anche il settore della revisione, lavorando per la sicurezza del cittadino e garantendogli sempre un servizio efficiente e veloce».

Entrando invece nel dettaglio delle carrozzerie, in Liguria si contano 520 micro e piccole realtà artigiane, in calo del 2,4% rispetto al 2020 e addirittura del 4,2% sul 2019, una delle contrazioni più elevate d’Italia. Guardando alle province, il quadro si compone di 323 microimprese a Genova (-3,3% sul 2019, -1,5% rispetto all’anno scorso), 77 a Savona (-4,9% sul 2019, -2,5% sul 2020), 64 alla Spezia (-5,9% sia rispetto al 2019, sia in confronto al 2020), 56 a Imperia (-6,7% sul 2019, -3,4% sul 2020).

Un settore, quello dell’autoriparazione, che ha recentemente ottenuto un grande risultato: poter continuare a utilizzare la targa prova sui veicoli immatricolati per esercitare la loro attività d’impresa. La disposizione è contenuta nel decreto Infrastrutture, recentemente approvato dal consiglio dei ministri: «Una conquista che inseguivamo da anni e che abbiamo finalmente raggiunto, anche grazie alla sensibilità di Raffaella Paita, presidente della commissione Trasporti alla Camera – osserva Giuseppe Pace, presidente regionale e nazionale di Confartigianato Carrozzieri – un provvedimento che scrive definitivamente la parola fine a una querelle che durava da moltissimi anni e che ha coinvolto politica, giustizia e forze dell’ordine, provocando non pochi problemi ai nostri autoriparatori».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.