Le eccellenze liguri al Cibus di Parma con l’Azienda Speciale della Camera di Commercio “Riviere di Liguria” Imperia La Spezia Savona.

Dopo l’emergenza della pandemia, l’edizione 2021 riparte in presenza, con un rigido protocollo di accesso per garantire il totale Covid Free, dal 31 agosto al 3 settembre.

Cibus rappresenta la vetrina più importante dell’alimentazione made in Italy, con migliaia di stand in cui sono presenti le più grandi aziende italiane.La manifestazione organizzata da Fiere di Parma e Federalimentare, da sempre è l’occasione per promuovere l’incontro dell’industria agro-alimentare italiana con le missioni commerciali estere provenienti dai maggiori mercati del mondo e con i grandi retailer continentali e internazionali. Saranno presenti sia singole aziende locali sia aziende associate nelle collettive di Regioni, Camere di Commercio e Consorzi; ad esse si aggiunge la Buyers Lounge che ospiterà i top buyers esteri.

Ancora una volta a promuovere la trasferta a Cibus per le aziende liguri è l’Azienda Speciale “Riviere di Liguria” punto di riferimento e di aiuto per le imprese liguri impegnate a far fronte alle difficoltà sorte a seguito della pandemia. L’obiettivo è appunto quello di sostenere e guidare le nostre aziende verso la ripartemnza dell’intero comparto agroalimentare.

L’area è posizionata nel padiglione 3 con uno spazio di 81 metri quadrati e accoglierà le imprese che hanno aderito a partecipare alla prestigiosa rassegna dell’agroalimentare. Si tratta di: Olio Calvi Imperia, Frantoio Ghiglione Dolcedo, Olio Boeri Taggia, Solo Taggiasca Imperia, La Gallinara Villanova d’Albenga, Salumificio Chiesa Finale Ligure.

«Un impegno concreto, importante, fondamentale – sottolinea il presidente della Camera di Commercio “Riviere di Liguria” Enrico Lupi – la presenza ligure alla rassegna internazionale in rappresentanza del nostro territorio e delle nostre eccellenze: l’agroalimentare si conferma il settore trainante dell’economia italiana crescendo di più e meglio di altri comparti ed è proprio per questo che la valorizzazione dei prodotti per la Liguria diventa veicolo di promozione e di rilancio economico».

Arriveranno a Parma migliaia di top buyers e giornalisti dei maggiori quotidiani, tv nazionali e testate specializzate. Sono attese 2000 aziende, 40 mila espositori e migliaia di top buyers. In crescita anche il numero degli chef che cucineranno i nuovi prodotti per il tasting dei visitatori.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.