La Commissione europea e l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) scelgono Leonardo per la realizzazione degli orologi atomici all’idrogeno di Galileo seconda generazione, il sistema di navigazione satellitare dell’Ue sviluppato dall’Esa e dall’industria europea.

L’azienda ha siglato un contratto con Esa per la fornitura diretta dei Phm (Passive Hydrogen Maser) per i nuovi 12 satelliti.

Il Phm di Leonardo è il più accurato orologio atomico mai realizzato per applicazioni spaziali, accumula un errore di un secondo ogni tre milioni di anni, ed è tra gli elementi cruciali per la superiorità di Galileo che vanta una precisione a terra di circa 30 cm. Dopo aver lavorato su oltre 70 orologi per la prima generazione di Galileo, Leonardo fornirà due maser per ogni nuovo satellite.

I primi 12 esemplari saranno consegnati nel 2023.

L’azienda metterà inoltre a disposizione le proprie competenze per il supporto in orbita: un team altamente qualificato potrà fornire assistenza e consulenza all’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale, exploitation manager di Galileo, nell’analisi dell’operatività degli strumenti, migliorando i servizi di customer support per i partner europei.

Leonardo è un partner chiave di Galileo e, oltre a realizzare gli orologi atomici all’idrogeno, fornisce un contributo determinante ai segmenti spaziale e terrestre del programma: sei dei dodici satelliti di seconda generazione saranno realizzati da Thales Alenia Space (joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%), mentre Telespazio (joint venture tra Leonardo 67% e Thales 33%) ospita al Centro Spaziale del Fucino uno dei centri di controllo dell’intero sistema.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.