«Siamo tornati in Regione perché da mesi sullo spettacolo è tutto fermo: è da ottobre che aspettiamo la costituzione di un tavolo permanente» così Fabio Allegretti segretario generale Slc Cgil Genova sull’incontro che si è svolto questa mattina con i capi gruppo del consiglio regionale al quale era presente anche l’assessore Ilaria Cavo.

Il comparto dello spettacolo è stato tra i settori più duramente colpiti durante la pandemia e solo dopo numerose sollecitazioni e manifestazioni la Regione Liguria ha provveduto a erogare ristori aggiuntivi a quelli nazionali.

La Regione si era impegnata a erogare mille euro per circa mille tra lavoratrici e lavoratori della Liguria «In realtà ne hanno usufruito in poco più di 500 e quindi la nostra richiesta è quella che le risorse avanzate siano redistribuite – aggiunge Allegretti – ma soprattutto abbiamo la necessità che il tavolo permanente sullo spettacolo venga finalmente attivato».

Per Slc Cgil è necessario un osservatorio regionale per gestire le emergenze, ma non solo. La necessità è quella di far arrivare le risorse pubbliche alle strutture virtuose che applicano i contratti, che tutelano i diritti di chi lavora garantendo nel contempo la trasparenza dei fondi regionali. Nel corso dell’incontro alcune testimonianze di lavoratori «Ho vissuto per mesi con 74 centesimi sul conto: quello che chiediamo è un dialogo con la Regione per pensare di avere una prospettiva per il futuro».

«Ci saremmo aspettati maggior sensibilità dall’assessore Cavo che riveste anche l’incarico di coordinatrice della commissione Cultura della Conferenza delle Regioni – afferma Allegretti – l’unica risposta è la promessa di verificare se a settembre ci saranno le condizioni per elargire i fondi residui: un po’ poco per chi è da più di un anno senza lavoro e con poche prospettive per il futuro. Ci auguriamo un presa di posizione seria a costruttiva da parte dei gruppi consiliari».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.