Dal 27 al 29 agosto, a Pieve di Teco, torna l’Expo Valle Arroscia, appuntamento giunto all’ottava edizione.

L’evento è organizzato dall’Azienda Speciale Riviere di Liguria della Camera di Commercio, Comune di Pieve di Teco con il supporto e il patrocinio della Regione Liguria, Provincia di Imperia e Anci Liguria e la collaborazione del Parco Regionale delle Alpi Liguri e delle associazioni di categoria. L’obiettivo è valorizzare i prodotti del territorio: l’olio, le olive taggiasche in salamoia, vino, pane, l’aglio ma anche la cucina tipica e l’artigianato.

Una vetrina per i produttori della vallata, una grande festa che unisce dodici Comuni, decine di espositori, aziende agricole e artigiani. I suggestivi portici quattrocenteschi di Pieve di Teco ospiteranno stand delle aziende locali con una selezione di prodotti di qualità. Nei ristoranti e negli agriturismi menù dedicati, aperitivi con degustazione di piatti tipici.

Fanno parte del circuito i Comuni di Armo, Aquila d’Arroscia, Borghetto d’Arroscia, Cesio, Cosio d’Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pornassio, Ranzo, Rezzo, Vessalico e naturalmente Pieve di Teco, il borgo che costituisce il cuore della valle: la porta dell’Arroscia.

Nei tre giorni di Expo, spazio anche a convegni, mostre, presentazione di libri, corsi di assaggio, visite in aziende. Torna l’apprezzata iniziativa “La piazza del gusto”, a cura di Confcommercio, che coinvolge ristoranti e locali della vallata. Quest’anno l’obiettivo è anche quello di valorizzare e promuovere l’outdoor (sono in costante aumento gli appassionati di attività e sport all’aria aperta), risorsa fondamentale per l’economia turistica del territorio nel comprensorio della Valle Arroscia.

«Si riparte con l’Expo Valle Arroscia dopo il periodo della pandemia ancora più forti e attrattivi con un evento che rende protagonista l’entroterra – spiega Enrico Lupi, presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria Imperia La Spezia Savona – Sono sempre più numerosi i visitatori, in particolare gli stranieri, che privilegiano una filosofia di viaggio “slow”, un turismo sostenibile, legato ai borghi, ai prodotti, alla cucina tipici: un turismo esperienziale».

«L’Expo racconta e porta nel cuore del borgo le peculiarità della vallata: è un viaggio alla scoperta del “saper fare”, dell’accoglienza dei nostri paesi – sottolinea il primo cittadino di Pieve di Teco, Alessandro Alessandri – una filosofia che è stata molto apprezzata. Lo confermano i numeri, le presenze cresciute di anno in anno. Un lavoro di squadra che porta i suoi frutti».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.