“Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti chiede buon senso ai lavoratori invitandoli a togliere il presidio, ma perché non lo chiede alla Mittal proponendogli di sospendere la procedura di cassa integrazione in attesa della convocazione del Governo?”

È quanto si legge nella nota firmata da Fiom Cgil Genova, in merito alle dichiarazioni di Toti a proposito della situazione Ilva e del corteo dei lavoratori.

“Facile fare il forte con i lavoratori – prosegue la nota – più coraggio serve per farlo nei confronti delle aziende e degli amministratori delegati. I lavoratori devono andare in cassa integrazione e perdere del salario, mentre nelle stanze dorate del governo e della Mittal si aspettano le decisioni. Bocce ferme altrimenti si lotta”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.