Anche a Genova il blocco degli sfratti che dura ormai da molti mesi e sta strangolando migliaia di piccoli proprietari fa sentire le sue conseguenze. Ne è sicuro Vincenzo Nasini, presidente di Confedilizia Genova e vice presidente nazionale: «A Roma – dice Nasini – c’è anche un nostro associato che sta facendo lo sciopero della fame davanti a Montecitorio, cui esprimiamo la nostra solidarietà. Siamo a una situazione paradossale e sono personalmente a fianco di tutti i proprietari di casa colpiti oltreché dalla pandemia di covid dalla epidemia di idiozia politica».

Il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, ha incontrato l’uomo in sciopero della fame ed è tornato a chiedere al Governo e al Parlamento di intervenire per almeno correggere le nuove sospensioni previste fino al 30 settembre e fino al 31 dicembre. «Al minimo, proprio il minimo, – ha ribadito Spaziani Testa – occorre anzitutto sbloccare effettivamente al 30 giugno tutte le esecuzioni riguardanti le morosità anteriori alla pandemia». Inoltre, qualora si intendano (malauguratamente) mantenere le ulteriori sospensioni disposte col decreto “Sostegni”, è necessario prevedere strumenti che evitino che esse siano generalizzate e, in quanto tali, applicabili anche nei molti casi in cui i proprietari siano in condizioni peggiori rispetto agli inquilini.

«A pochi giorni dalla scadenza del termine per il versamento della prima rata dell’Imu, è indispensabile disporre subito la cancellazione dell’intera imposta dovuta per il 2021 per i proprietari soggetti al blocco, per i quali non sono state previste neppure forme di risarcimento – aggiunge Nasini, che ricorda un dato: drammatico specchio della crisi della proprietà: aumento del 63% degli immobili che finiscono all’asta. A Genova sono tanti i casi di famiglie messe in ginocchio da un intervento che le ha private del frutto del loro risparmio ed eliminato una fondamentale fonte di reddito, in molti casi pure in presenza di rate di mutuo da pagare e spesso con la beffa di dover sostenere le spese condominiali a carico degli inquilini morosi. Il tutto, senza alcun risarcimento da parte dello Stato; anzi, persino con l’obbligo di versare l’Imu. La strada da seguire, Confedilizia lo ha detto molte volte, è un’altra. Per gli affitti in corso, servono interventi di sostegno per pagare i canoni. Per quelli oggetto di sentenze, occorre individuare le situazioni di difficoltà, sulle quali agire con misure di aiuto a carico dello Stato».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.