«Mentre le nostre autostrade non risultano evidentemente in grado di accogliere il nuovo aumento dei flussi di turisti da e per le nostre spiagge, è urgentissimo intervenire con ogni mezzo sul servizio ferroviario, ad iniziare dall’incremento dei treni, delle carrozze e degli addetti. Siamo molto preoccupati per il sovraffollamento che si sta registrando sui treni in Liguria». Lo ribadiscono Fulvia Veirana, segretaria generale Cgil Liguria e Laura Andrei, segretaria generale Filt Cgil Liguria.

Le due segretarie sottolineano che «accanto ai proclami sugli investimenti del Pnrr servono azioni concrete, quotidiane e urgenti, perché le connessioni con la Liguria non diventino un pessimo biglietto da visita facendo perdere l’occasione della ripresa».

Le sindacaliste fanno riferimento sia alla necessità di contenimento dei contagi da Covid, sia al bisogno di sostenere adeguatamente i servizi per il turismo.

«Le misure messe in campo sulle Frecce, sui treni intercity e sui regionali per il controllo dei flussi non risultano evidentemente sufficienti, perché il contingentamento limita l’offerta dei posti e non risponde alle richieste dei turisti che si muovono lungo le nostre Riviere. Chiediamo quindi a Trenitalia di attivare centri di controllo potenziato a partire dalle stazioni di Savona e Sestri Levante, tra le più affollate di queste ultime settimane, per fornire un intervento tempestivo e di supporto alla Polfer e al personale viaggiante».

Veirana e Andrei condividono anche l’analisi dei pendolari diffusa il 10 giugno sulle carenze del servizio ferroviario in Liguria, sia per quanto riguarda l’inadeguatezza dei materiali rispetto alla domanda, sia per l’insufficienza del servizio: «I treni a lunga percorrenza, a maggior ragione dopo il taglio dei treni Thello, l’ultima coppia verrà tolta il prossimo 30 giugno, sono evidentemente insufficienti, visto anche il mancato adeguamento degli impianti di condizionamento di Trenitalia con gli strumenti necessari ad aumentare le capienze, come invece hanno fatto altre imprese in Italia».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.