Anna Girello ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di sindaco effettivo di Banca Carige, con efficacia dalla data di nomina del suo sostituto, in ragione dell’avvenuta assunzione di un incarico ritenuto incompatibile con quello ricoperto presso la banca.

Nella stessa data, Silvia Muzi, sindaco supplente che sarebbe dovuta subentrare nella carica di sindaco effettivo, ha comunicato l’indisponibilità a tale subentro in ragione dell’avvenuta assunzione di un incarico ritenuto incompatibile con quello che avrebbe dovuto assumere presso la banca ed ha contestualmente rassegnato, con efficacia immediata, le proprie dimissioni dalla carica di sindaco supplente.

Il cda, nella prima riunione utile, procederà pertanto ad assumere le necessarie determinazioni in merito alla convocazione dell’assemblea che provvederà ad integrare il collegio sindacale mediante la nomina di un sindaco effettivo e di un sindaco supplente.

1 COMMENTO

  1. E meo male che una volta la colpa delle dimissioni a raffica era del sig Malacalza…
    adesso chissa di chi sara la responsabilità. Hanno espropriato i vecchi azionisti con la
    scusa che serviva un nuovo management,e soprattutto perché c’era lo sposo salvatore
    del sistema bancario italiano ( ccb) che il vecchio proprietario non accettava.Adesso lo
    sposo non c’è più,i dirigenti NON sanno che pesci prendere,il fitd continua a far finta di
    nulla con tutte le cause pendenti, la Bce aspetta il verdetto del tribunale europeo,ma qui tutti giocano a indovinello facendo i conti senza l’oste….manca poco ormai……

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.