È atteso nei prossimi 15 giorni un progressivo smontaggio dei cantieri programmati sulla rete autostradale ligure: dalle 14 di domani (smontaggi programmati nei fine settimana) ed entro il 15 luglio saranno conclusi i lavori su tutte le tratte di competenza di Autofiori, Salt e Aspi. In particolare, dalle 14 di domani saranno definitivamente conclusi il cantiere di Pietra Ligure, sulla A10 (barriere fonoassorbenti).

Tra il 15 luglio e venerdì 6 agosto – dal lunedì alle 14 del venerdì – proseguiranno esclusivamente i quattro cantieri di Aspi richiesti dal ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile e dai suoi ispettori: sulla A12 tra Rapallo e Chiavari (galleria Maddalena) e tra Lavagna e Sestri Levante (galleria Santa Giulia), sulla A10 tra Savona e Albisola (galleria Ranco) e tra Pegli e Pra’ con lavorazione solo notturna ad esclusione della domenica notte.

È quando emerso dalla riunione del tavolo tecnico ristretto a cui hanno partecipato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone e tutti i concessionari autostradali oltre ai rappresentanti del Mims con l’ispettore Placido Migliorino.

«Ci aspettiamo un significativo miglioramento della viabilità – afferma l’assessore Giampedrone – grazie allo smontaggio progressivo dei cantieri programmati, con il rispetto del cronoprogramma che avevamo stabilito. Rimane confermato lo smontaggio di tutte le lavorazioni nei fine settimana, dalle 14 del venerdì: a questo proposito anche su richiesta del collega ai Trasporti e Turismo Gianni Berrino abbiamo ottenuto che il cantiere tra Orco Feglino e Finale Ligure sulla A10 (galleria Rocca Carpanea) venga rimontato dalle 12 del lunedì e non dalla notte tra domenica e lunedì, per agevolare i rientri dei turisti dai fine settimana in riviera. Per quanto riguarda il mese di agosto puntiamo ad ottenere lo stop a tutti i cantieri almeno fino al 30».

È confermata intanto la riunione in programma per lunedì prossimo a cui parteciperanno i sindaci liguri e il ministro delle Infrastrutture Giovannini «a cui ribadiremo con forza – sottolinea Giampedrone – la richiesta già avanzata dal presidente Toti di azzeramento automatico dei pedaggi su tutte le tratte fino alla conclusione di tutti i lavori. La nostra attenzione sarà poi puntata sulla programmazione di settembre e soprattutto di ottobre, di cui purtroppo non sappiamo ancora nulla ma che pensiamo sarà impattante. Tutte le concessionarie hanno confermato oggi che il traffico è tornato ai livelli pre-covid e quindi ci aspettiamo nei prossimi mesi lo stesso volume di traffico degli anni passati, prima della pandemia. Sarà fondamentale, quindi – conclude – valutare bene la programmazione autunnale perché certamente la Liguria non potrà reggere una quantità di cantieri come quella dell’ottobre 2020, quando il traffico era fortemente ridotto a causa dell’emergenza sanitaria».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.