Fincantieri e sindacati il 26 maggio scorso hanno sottoscritto un accordo a livello nazionale che riguarda i lavoratori degli appalti.

Secondo quanto riporta una nota delle segreteria Fiom Genova e della Fiom Fincantieri Sestri Ponente, l’accordo prevede:

«la riduzione delle lavorazioni in appalto attraverso la limitazione del subappalto e tramite internalizzazioni, in particolare nella pitturazione ed isolazione e nelle attività impiantistiche e ad alto valore aggiunto; l’adozione di macchinari automatizzati che supporteranno la produzione consentendo il miglioramento delle condizioni di lavoro nelle attività attualmente più critiche; la costruzione di un “bacino delle professionalità di settore” per garantire la continuità occupazionale dei lavoratori degli appalti e rafforzare il patrimonio professionale del comparto cantieristico; la consegna mensile alla RSU dell’elenco delle aziende e il numero dei lavoratori in appalto contrattualizzati per ciascuna azienda, anche attraverso somministrazione di lavoro; ulteriori investimenti per l’adeguamento delle infrastrutture logistiche dei servizi per i dipendenti delle ditte operanti in appalto; la messa a disposizione di locali in Fincantieri per l’effettuazione delle assemblee dei lavoratori in appalto (anche per le categorie sindacali di Cgil Cisl Uil dei CCNL applicati) e l’adozione di bacheche sindacali negli spazi riservati alle ditte».

«L’accordo – si legge ancora nella nota – ci consegna strumenti per continuare ad organizzare ed intervenire a favore dei lavoratori degli appalti. Punti importanti che vanno in parallelo alle altre iniziative sul fronte sicurezza. Infine riteniamo necessario che anche sul fronte delle vaccinazioni da effettuarsi in azienda o in hub vicini, si lavori per estendere a tutti i lavoratori del cantiere (diretti e appalti) la possibilità di accedere volontariamente alla somministrazione, bypassando le problematiche esterne legate a residenza, nazionalità, mancata assegnazione del medico di base ecc., insomma tutti i problemi burocratici che già all’inizio della pandemia hanno comportato disparità di trattamenti».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.