Aperti in provincia della Spezia due nuovi hub vaccinali aziendali, anche grazie al contributo di Confindustria provinciale. Le aziende associate Fincantieri, Leonardo, L.S.C.T, Quayside Service e Sanlorenzo, hanno partecipato con esito positivo al bando di Alisa pubblicato il 21 maggio scorso, con il quale la Regione Liguria ha reso disponibili 5000 vaccini settimanali per le aziende con più di 250 dipendenti.

A seguito dell’attribuzione alla provincia di circa 1800 unità vaccinali, in pochissimi giorni si sono aperti hub aziendali.

Confindustria La Spezia, in collaborazione con ASL e con la gestione sanitaria dell’associata CMD – Centro Medico Diagnostico di Santo Stefano Magra, ha direttamente organizzato l’apertura e l’operatività di due hub vaccinali per Leonardo, L.S.C.T e Quayside Service e ha affiancato e supportato la realizzazione di quelli di Fincantieri e Sanlorenzo.

I due hub vaccinali sono stati aperti uno alla Spezia, nei locali Ex Fitram, e l’altro a Sarzana presso l’ospedale San Bartolomeo.

«L’apertura degli hub vaccinali è un grande risultato e significativo per il mondo delle imprese e per le persone che ci lavorano – commenta Mario Gerini, presidente Confindustria La Spezia – è stato una corsa contro il tempo. La volontà delle aziende di sostenere costi per porre i loro dipendenti nella condizioni di ridurre i rischi di contagio da Covi-19, evidenziano che in molte aziende si è consolidata la consapevolezza del ruolo e della “responsabilità sociale” che hanno. Con orgoglio sottolineo, che grazie all’impegno dei nostri collaboratori, Confindustria La Spezia è fra le prime associazioni del sistema Confindustriale, sia a livello ligure che nazionale, che è stata in grado di porre le proprie associate nella condizione di usufruire di strutture vaccinali organizzate e gestite dall’associazione. Questo risultato è stato possibile raggiungerlo solamente grazie a un formidabile lavoro di squadra».

Oggi gli hub sono stati visitati dal sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini, e dl ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.