“Quattro spot, una serie di mappe, spettacoli luminosi e la partecipazione al Meeting di Rimini, il tutto per oltre mezzo milione di euro che ora la Liguria si trova a spendere per sostenere la campagna di comunicazione istituzionale per il turismo della Regione, nel momento più importante per il rilancio del settore e mentre in altre regioni si fanno bandi e si pensa a iniziative dirette. Per Toti è tutto comunicazione ma davvero questo elenco di spese senza una strategia è quello di cui ha bisogno la Liguria per ripartire?”.

Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico in Regione Liguria, Luca Garibaldi, commentando costi e programmi previsti dalla Regione per l’attività di comunicazione istituzionale nei prossimi tre mesi.

«Un programma di iniziative per un totale di 555mila euro di spesa – racconta Garibaldi – che va da ‘Restart Liguria’, 60mila euro di investimento per finanziare iniziative come quella della posa della bandiera sul palazzo della Regione il 2 giugno e la celebrazione del momento in cui si allenteranno le misure restrittive, dal 7 di giugno, con luci e scenografie. E poi ancora 370mila euro per la campagna su tv e social in 4 spot, 35mila euro per mappe e itinerari a misura di bambino e 90mila per la presenza di 5 giorni ad agosto al Meeting di Rimini».

«Il tutto – prosegue il capogruppo – per oltre mezzo milione di euro di spesa. Ma veramente si può pensare di valorizzare il turismo così? Altre Regioni come il Lazio per sostenere il settore aprono bandi da 10milioni per favorire la permanenza sul territorio e promuovere iniziative sul soggiorno, in cui chi paga la permanenza di tre notti in una struttura ne ha una quarta gratis offerta dalla regione. Qui le risorse si impiegano così. Ma questo è il massimo che si riesce a pensare in termini di promozione?»

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.