Un corso di 8 ore sviluppato dal Cetena (Fincantieri) e promosso da Start 4.0 per aiutare le imprese a capire quali vantaggi competitivi possano apportare al loro business due tecnologie come la realtà aumentata e la realtà virtuale e quali risorse siano necessarie per sviluppare questo tipo di applicazioni in azienda. Il corso, che inizierà domani 4 maggio, sarà tenuto da due analisti programmatori senior del Cetena (Gruppo Fincantieri), Jacopo Bellini e Luigi Cella della Business Unit Simulations Solutions diretta da Luca Fengone.

Che cosa sono realtà virtuale e realtà aumentata? Realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR) possono apparire molto diverse ma, in realtà, sono destinate a soddisfare requisiti differenti partendo dalla stessa base. Entrambe condividono aspetti tecnologici ma, nel primo caso, il mondo rappresentato è sintetico mentre nel secondo è reale. AR è, di fatto, una VR sovrapposta all’ambiente reale per “arricchirlo” di informazioni. Si tratta di una fusione di mondi interattivi reali e virtuali attraverso una mappatura spazio-temporale delle entità; l’esperienza AR è proficua tanto quanto riesce a sovrapporsi fedelmente al mondo reale, arricchendo la percezione umana ordinaria, al contrario, la realtà virtuale è tanto valida quanto riesce a sostituirsi al mondo reale.

Luca Fengone

«Per l’utilizzo di queste tecnologie – dichiara a Liguria Business Journal Luca Fengone – Cetena ha sviluppato negli anni un simulatore di manovra sempre più sofisticato, sempre più coinvolgente dal punto di vista formativo e corretto dal punto di vista scientifico, che utilizziamo all’interno del gruppo e all’esterno per la formazione del personale dei nostri clienti, marine militari e civili di tanti paesi. Con il simulatore riusciamo a riprodurre in modo realistico situazioni in cui si troverà il soggetto da formare. È un’attività importantissima perché ormai la vendita della nave non basta più, bisogna offrire servizi di manutenzione e addestramento del personale, servizi che spesso risultano decisivi nella competizione e che hanno un alto valore aggiunto».

Il simulatore del Cetena è costituito da un simulacro di ponte navale immerso in un sistema di visione in realtà virtuale. Il ponte rappresenta una riproduzione completa e riconfigurabile con strumentazione reale e virtuale di un ponte navale. Una stazione istruttore distaccata dal ponte viene utilizzata per tutti i settaggi e le interazioni con lo scenario simulato: condizioni meteomarine, altre unità presenti nello scenario, gestione dell’esecuzione della simulazione, memorizzazione di tutti gli eventi accaduti durante l’esecuzione. Il tipo di infrastruttura è particolarmente efficiente per diversi scopi, consentendo di utilizzare il simulatore per: studi portuali, formazione, prototipazione virtuale, studi ergonomici, simulazioni di operazioni navali, ecc. Il modello fisico/matematico consente un’accurata simulazione del comportamento della nave nelle diverse condizioni ambientali grazie a diversi parametri: ambiente (stato del mare, fondali, vento, corrente, orario, ecc.); caratteristiche della nave (tipo di propulsione, organi di manovra, geometria dello scafo, sovrastrutture, ecc.), tipo di nave (trasporto merci, traghetti, navi militari, ecc.).

Moltissimi i settori merceologici rivoluzionati da questo nuovo approccio con la realtà: dall’industria al retail, dal turismo alla formazione. Gli ambiti applicativi variano dalla progettazione alla produzione, dalla manutenzione alla sicurezza. Il corso punta ad aiutare i partecipanti a trovar la miglior applicazione per raggiungere rapidamente il loro obiettivo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.