Fricassea di fave e piselli è un piatto che troviamo, in pratica, ovunque si producano fave e piselli. Spesso, come nel Lazio e in Sicilia, i due legumi sono accompagnati da carciofi e altri ingredienti: lattuga,  cipolle, pancetta, peperoncino. La ricettiamo che proponiamo, in uso in Liguria, è più semplice ma non meno ricca di sapori e profumi.

Ingredienti: 1 kg di fave, 1 kg di piselli, olio di oliva extravergine taggiasca qb, sale qb, due uova, un limone, un mazzetto di menta fresca, uno di prezzemolo.

Tenete presente che un kg di questi legumi corrisponde a circa tre etti di prodotto netto.

Mettete  in tegame, nell’olio, i semi di fave e piselli. Salate e fate cuocere per un quarto d’ora   a fuoco molto basso e tegame coperto, con un cucchiaio di acqua. Se necessario durante la cottura aggiungete altra acqua per evitare che i legumi friggano ma tenete presente che questi non devono assolutamente bollire: vanno brasati, con una minima quantità di liquido e il vapore che si forma nel recipiente. Tritate finemente menta e prezzemolo in pari quantità (c’è chi preferisce adoperare soltanto menta) e mettete il trito nel tegame a metà cottura. Verso la fine sbattete le  uova con  il succo del limone e un pizzico di sale e versate il tutto nel tegame.  Alcuni preferiscono mettere il trito di erbe alla fine  insieme alle uova e al limone, ottenendo un sapore meno intenso ma più fresco.  Lasciate cuocere  ancora per un minuto e la fricassea è pronta. Servitela calda. Potreste berci un Colli di Luni Vermentino.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.