Si conclude il 13 maggio “Un ponte verso il futuro”, il percorso di educazione finanziaria creato e realizzato da Banca Carige e FEduF (ABI) nell’ambito della pluriennale collaborazione con Regione Liguria, Comune di Genova e Ufficio Scolastico Regionale, con l’obiettivo di offrire numerose occasioni di riflessione e sensibilizzazione sui temi del valore del denaro, della sostenibilità e dell’economica civile.

Il percorso di Cittadinanza Economica che FEduF e Banca Carige hanno messo a disposizione delle scuole liguri ha preso avvio nel novembre 2020 con il Digital Live Talk “Le scelte (in)sostenibili”, un live show in diretta streaming che ha portato circa 2 mila studenti ad affrontare con leggerezza un tema rilevante come l’importanza di un’adeguata preparazione finanziaria oltre a un approccio razionale alle scelte economiche.

La seconda tappa ha previsto l’iscrizione delle classi alle lezioni in dad, tenute dagli esperti della Fondazione e della Banca nel periodo compreso tra novembre 2020 e aprile 2021, per approfondire contenuti relativi all’uso consapevole del denaro e alla cittadinanza economica, in collegamento con l’Educazione Civica. Durante questi mesi le ragazze e i ragazzi hanno infatti partecipato ad una serie di lezioni online caratterizzate dal focus su innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile, tematiche di stretta attualità che si sono incrociate con riflessioni guidate su nuove abitudini di consumo e uso del denaro, in un’ottica di cittadinanza attiva e consapevole, ispirata ai valori di sviluppo sostenibile e globale fissati dall’Agenda Onu 2030.

La tappa conclusiva di “Un Ponte verso il futuro”, che si tiene online il 13 maggio, propone una riflessione allegra ma non troppo sul bene comune, la sostenibilità e l’eterno conflitto tra l’interesse individuale e quello sociale, con un Digital Live Talk, nuovo nella sua forma e nei suoi contenuti, che parla di decisioni e di paure, di emozioni e di giudizi.

Attraverso gli interventi in diretta di Francesco Guido, amministratore delegato Gruppo Banca Carige e di Ettore Acerra, direttore generale Ufficio Scolastico Regionale Liguria e le testimonianze di Ilaria Cavo, assessore della Regione Liguria alle Politiche socio sanitarie e Terzo Settore, Politiche giovanili, Scuola, Università e Formazione, Cultura e Spettacolo, di Barbara Grosso, assessore del Comune di Genova alle Politiche Culturali, Politiche dell’Istruzione, Politiche per i Giovani e di Silvia Salis – ex atleta e campionessa italiana di lancio col martello, le ragazze e i ragazzi hanno a disposizione un’occasione unica per accrescere la loro consapevolezza su come l’economia possa incidere fortemente sia a livello collettivo, per esempio sul tema della sostenibilità, sia a livello più personale, con l’obiettivo di diventare cittadini attenti sia all’uso del proprio denaro sia a tutto ciò che li circonda.

«In un contesto delicato come quello che stiamo vivendo l’educazione finanziaria può costituire un supporto importante per mitigare gli effetti della crisi. Le conoscenze di base di economia e finanza aiutano a compiere scelte più consapevoli, a pianificare meglio il futuro, a proteggersi adeguatamente dai rischi, per essere più resilienti finanziariamente − afferma Guido − Per questo Carige prosegue nel suo impegno con le scuole e con le nuove generazioni che rappresentano il nostro ponte verso il futuro, per avere domani dei cittadini attivi e responsabili, rispettosi delle risorse economiche, ambientali e del prossimo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.