Chiusura in moderato rialzo per le borse europee, mentre  Wall Street, frenata da alcune trimestrali deludenti, procede nell’incertezza. Londra segna +0,52%, Parigi +0,28%, Francoforte +0,17%, Madrid +0,16%. Milano ha terminato le trattative con Ftse Mib +0,13%, Ftse Italia All Share +0,09%, Ftse Aim Italia +0,05%. Lo spread Btp/Bund si è attestato su 109 punti (variazione+1,74% rendimento Btp 10 anni +0,86% rendimento Bund 10 anni -0,23%).

A Piazza Affari in testa al Mib troviamo Unicredit (+5% dopo il ritorno all’utile e la conferma dei target), Cnh (+4,42% con i broker che hanno alzato target e stime), Bper (+1,95%), in fondo Telecom (-5,52% con la prospettiva di unostop al progetto della rete unica nazionale dopo che il ministro dell’Innovazione Tecnologica Vittorio Colao ha detto che l’obiettivo e’ di portare la banda larga a tutti e che saranno fatte le gare per favorire la concorrenza), Recordati (-3,03%), Ferrari (-2,81%).

Petrolio in ribasso, con il Wti giugno che scende dello 0,93% a 65,02 dollari al barile e il Brent luglio che cala dello 0,75% a 68,44 dollari.

Sul valutario, il dollaro si indebolisce contro l’euro, con la divisa europea scambiata a 1,206 dollari (1,2023 in avvio, 1,20 ieri in chiusura). L’euro vale anche 131,58 yen (131,425 in avvio e 131,11 ieri), mentre il rapporto dollaro/yen è a 109,08.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.