Prima verifica in ambito metropolitano per Amt: ieri il maxi controllo si è svolto a Chiavari. Si tratta di una novità per il levante genovese.

Le cinque ore di verifica, dalle 13,30 alle 18,30, sono state programmate con due diverse modalità. Una squadra di verificatori titoli di viaggio ha controllato, con il supporto di due agenti della Polizia Locale, le fermate bus della stazione ferroviaria di Chiavari, punto di partenza e transito delle linee litoranee per Lavagna/Sestri Levante e Zoagli/Rapallo, di alcune linee del servizio scolastico e di tutte le linee dirette verso l’entroterra del Tigullio Centrale. La seconda squadra ha effettuato i controlli a bordo bus, sulle linee 4, 5 e 98 che collegano Chiavari a Sestri Levante, transitando per Lavagna.

Ad affiancare i 6 vtv provinciali sono scesi in campo anche 7 vtv urbani che, per la prima volta, hanno effettuato le verifiche in ambito metropolitano. Alle 17 i passeggeri controllati erano complessivamente 630 e 25 le situazioni irregolari rilevate per mancanza del titolo di viaggio, pari a un tasso di evasione del 4%.

«Quella di ieri è la prima verifica intensiva che effettuiamo in ambito provinciale − dichiara Marco Beltrami, presidente di Amt − Questo tipo di verifica ha il duplice obiettivo di mostrare l’attenzione che poniamo al tema dell’evasione e di riuscire a quantificarne in maniera precisa l’entità. Tornando nello specifico all’attività di controllo, voglio anche evidenziare che è stata effettuata con personale proveniente dalla direzione movimento urbano e dalla direzione movimento provinciale ed è quindi un’attività che mostra visibilmente il percorso di integrazione effettuato. Più in generale vogliamo anche trasferire, con l’iniziativa di oggi, un segnale di auspicata ripresa dell’utilizzo dei mezzi pubblici».

Il programma di controlli sui mezzi pubblici continuerà con regolarità anche nelle prossime settimane nelle diverse aree del territorio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.