Inaugurato il nuovo parcheggio di Pagliari, alla Spezia, inserito nel più ampio progetto del “Miglio Blu”.

Il progetto è finanziato con fondi regionali per 1.175.000 di euro, con un contributo di 300 mila euro dell’Autorità di Sistema del mar Ligure Orientale e 75 mila euro dal Comune spezzino.

Il nuovo parcheggio garantirà circa 100 posti auto a servizio degli abitanti dei quartieri limitrofi e dei lavoratori dei cantieri navali presenti. Un’opera che ha consentito di riqualificare un’area abbandonata da decenni al degrado e che consentirà di liberare parte della strada di viale S. Bartolomeo, recuperando così spazi utili per le altre opere oggetto del progetto “Miglio Blu”.

«Il Miglio Blu è uno dei progetti di punta dell’amministrazione, finalizzato alla realizzazione di una delle linee di mandato, La Spezia capitale della nautica – dichiara il sindaco Pierluigi Peracchini – Oggi inauguriamo la prima tappa, ovvero il parcheggio di Pagliari che garantisce oltre cento posti auto a servizio del quartiere e dei lavoratori dei cantieri navali, con la consapevolezza che l’investimento interessa non solo le infrastrutture e i lavori pubblici, ma soprattutto lo sviluppo della città e la formazione professionale attraverso un progetto ad ampio spettro di cui ringrazio sia l’assessore ai Lavori Pubblici Luca Piaggi sia l’assessore allo Sviluppo Economico Genziana Giacomelli. La nautica per La Spezia è come l’automotive per Torino: un’eccellenza riconosciuta in Italia sulla quale è necessario puntare, proprio per dare impulso alla creazione sul nostro territorio di un distretto nautico ancora più rilevante a livello internazionale. Regione Liguria è al nostro fianco nella realizzazione di interventi di riqualificazione nell’area di viale San Bartolomeo e che interessano il tratto tra il ponte della Darsena di Pagliari fino al Muggiano, e nelle attività di comunicazione e branding, ma non solo. Il Miglio Blu è un volano economico senza precedenti attraverso un piano territoriale di formazione per lo sviluppo del territorio proprio grazie a risorse regionali. Investire sulla blue economy e sulla nautica significa investire sul nostro futuro: La provincia della Spezia è la prima in Italia per incidenza delle imprese dell’economia del mare, seconda per incidenza dell’occupazione e quinta per valore aggiunto generato da questo settore. Alla luce di questi dati, crediamo fortemente che per far ripartire l’economia del nostro territorio a seguito dell’emergenza Covid-19 sia necessario puntare su queste grandi potenzialità che offrono ulteriori opportunità nella formazione, nella ricerca, nella produzione e nei servizi».

«Regione Liguria − dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone − ha creduto e appoggiato sin dall’inizio il progetto di sviluppo e promozione di quest’area della città della Spezia, dove coesistono cantieri nautici che sono il fiore all’occhiello del settore a livello mondiale, importanti centri di ricerca internazionali come il Cmre della Nato e il Cssn della Marina Militare e un porto turistico del calibro di Porto Lotti. Per questo abbiamo finanziato con 1 milione e 175 mila euro la riqualificazione e valorizzazione di quello che vogliamo diventi un distretto di eccellenza a livello internazionale della nautica, anche in chiave turistica».

«L’opera, eseguita grazie al fondo strategico di Regione Liguria, rappresenta una importante area di sosta per tutto il quartiere e il mondo del lavoro legato alla nautica che da tempo lamentavano la necessità di maggiori spazi di parcheggio − ha dichiarato l’assessore ai lavori Pubblici Luca Piaggi − Il progetto del Miglio Blu proseguirà speditamente sia come opere, sia per creare una spiccata sinergia tra i portatori di interesse nel mondo della nautica».

Gli interventi avranno una ricaduta importante sui quartieri compresi nelle aree di intervento grazie a una riqualificazione strutturale complessiva  che consentirà maggiore decoro e servizi. «Il Miglio Blu non è solo infrastrutture – ha dichiarato l’assessore Genziana Giacomelli – È anche ricerca, sviluppo e  lavoro. Questo progetto darà un’opportunità ai nostri giovani di occupazione di qualità e per questo è in essere oggi il piano di formazione finanziato dalla Regione per circa 3 milioni di euro per formare giovani da inserire poi in aziende. Molti di essi stanno già facendo tirocini ed esperienza nelle aziende nautiche del territorio».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.