La giunta regionale ha approvato su proposta degli assessori al lavoro Gianni Berrino e alla formazione Ilaria Cavo, la linea di intervento “Smart@ttivo 2021” nell’ambito del patto per il lavoro nel settore del turismo sottoscritto dalla Regione e dalle parti sociali per sostenere le imprese turistiche e i lavoratori colpiti dall’emergenza Covid-19.

Smart@ttivo 2021 prevede la realizzazione di percorsi integrati e personalizzati di politica attiva del lavoro e di consulenza formativa fruibili interamente a distanza, combinati con uno strumento di sostegno al reddito sotto forma di indennità di partecipazione e riservati ai lavoratori stagionali del turismo privi di occupazione o in una condizione di ridotto impegno lavorativo causata dall’attuale pandemia. La dotazione finanziaria dell’intervento è pari complessivamente a 2.249.264 euro: 1.428.764 per la realizzazione dei percorsi integrati individuali e 820.500 per le indennità di partecipazione.

I percorsi sono realizzati dai soggetti accreditati all’erogazione dei servizi al lavoro e alla formazione che abbiano manifestato l’interesse a partecipare mediante apposita selezione interamente telematica e che siano inseriti all’interno di una short list di soggetti attuatori dell’intervento. Hanno una durata massima di 6 mesi; le attività ammissibili sono rimborsate ai soggetti attuatori mediante voucher individuali.

«La caratteristica più innovativa di Smart@ttivo 2021 è la composizione modulare dei percorsi, con voucher da 20, 40 e 60 ore – spiega l’assessore al lavoro Gianni Berrino – Per ogni 20 ore di attività al destinatario del percorso è riconosciuta un’indennità di partecipazione di 500 euro. Per beneficiare dell’indennità di partecipazione massima di 1.500 euro è necessario che i percorsi abbiano una durata minima di 60 ore. In questo modo diamo una possibilità di articolazione del percorso per adattarlo a eventuali impegni lavorativi a intermittenza nel corso della stagione e seguiamo il lavoratore nell’attuale situazione di emergenza».

A seguito di specifica ricognizione dei fabbisogni formativi effettuata presso le associazioni di categoria e le organizzazioni sindacali firmatarie del patto per il turismo è stata costituita un’apposita offerta di argomenti formativi al fine di agevolare la predisposizione della componente formativa interna ai percorsi integrati. Per garantire la copertura delle attività di supporto all’utente è stato previsto, inoltre, il riconoscimento ai soggetti attuatori di otto ore di attività non frontali sino a un massimo di 284 euro a destinatario.

«Si tratta di una misura importante perché congiunta e composta da bonus assunzionali e formazione professionale – sottolinea l’assessore alla formazione Ilaria Cavo – abbinare la formazione alle politiche attive del lavoro diventa strategico per mettere a segno misure concrete che abbiano reali risultati sui percorsi di vita delle persone. Questo è ciò che richiede il momento che stiamo vivendo. Si tratta di un provvedimento a cui seguirà un metodo di azioni congiunte che vorremmo portare avanti tramite il Fondo Sociale Europeo. Altro dato che mi piace sottolineare di questo bando è la flessibilità dei percorsi formativi, percorsi che possono essere fatti anche in maniera individualizzata per piccoli gruppi con la flessibilità che questo momento richiede».

I lavoratori stagionali del settore del turismo, che a causa dell’emergenza sanitaria si trovano in stato di disoccupazione o sottoccupazione e privi di ammortizzatori possono aderire all’intervento “Smart@ttivo 2021” mediante procedura telematica attiva sul portale regionale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.