La Corte di Appello di Genova ha assolto tutti i 18 imputati condannati in primo grado per le cosiddette spese pazze del consiglio regionale relative ai i bilanci degli anni tra il 2010 e il 2012 perché “il fatto non sussiste“.

Tra gli imputati assolti Edoardo Rixi, deputato e segretario regionale della Lega. Rixi era stato condannato in primo grado a 3 anni e 5 mesi di reclusione e in seguito alla condanna aveva dovuti lasciare la carica di viceministro ai Trasporti nel primo governo Conte.

Le accuse nei confronti dei 18 imputati erano a vario titolo di peculato e falso per i rimborsi ottenuti dai consiglieri regionali nel periodo 2010-2012.

Le assoluzioni, oltre a Rixi, riguardano anche Michele Boffa (Pd); Luigi Morgillo (Pdl/Forza Italia); Francesco Bruzzone (Lega); Armando Ezio Capurro (ex Noi con Burlando, passato a Direzione Italia); Giacomo Conti (Federazione della sinistra); Raffaella Della Bianca (allora Pdl/Forza Italia); Marylin Fusco (Diritti e Libertà); Roberta Gasco (Pdl/Forza Italia); Marco Limoncini (Udc); Marco Melgrati (Pdl/Forza Italia); Nino Miceli (Pd); Matteo Rossi (per quasi tutto il mandato in Sel); Matteo Rosso (dal Pdl a Fratelli d’Italia); Alessio Saso (Nuovo centrodestra); Aldo Siri (Lista Biasotti); Franco Rocca (Nuovo centrodestra); Alessandro Benzi (da Sel al Gruppo misto); Gino Garibaldi (eletto con il Pdl).

Il sindaco di Cogorno Gino Garibaldi e il sindaco di Alassio Marco Melgrati  erano stati sospesi dall’incarico in base alla legge Severino e poi tornati nelle loro funzioni, il primo dopo un ricorso, il secondo dopo scadenza del periodo di sospensione.

 

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.