Via libera definitivo della Regione Liguria alla realizzazione dell’ospedale Felettino della Spezia, con il riavvio della procedura di realizzazione del nuovo ospedale, che sarà pubblico sin dalla fase di costruzione, attraverso l’utilizzo delle risorse statali e regionali disponibili.

La giunta regionale ha approvato la delibera con cui vengono superate tutte le criticità conseguenti alla risoluzione del contratto di appalto con la ditta Pessina Costruzioni per gravi inadempienze e violazioni contrattuali, viene acquisito il percorso deliberato dalla Asl 5 e definito con il supporto di Ire e Cassa Depositi e Prestiti, comprensivo del Progetto di fattibilità tecnica ed economica e il Piano economico finanziario per complessivi 264.373.045,38 euro e con la scelta come modello di partenariato pubblico-privato quello della concessione di costruzione e gestione dell’opera.

«L’ospedale rappresenta una priorità strategica e irrinunciabile per il sistema sanitario regionale – afferma il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti – Lo strumento scelto fra le varie opzioni di partenariato pubblico-privato rappresenta una scelta ben precisa di Regione Liguria per garantire che il nuovo Felettino rimanga un ospedale pubblico a tutti gli effetti, fin dalla fase di realizzazione. Questo è stato possibile anche grazie ai 29 milioni di euro che abbiamo già impegnato per l’ospedale a valere sul Fondo strategico regionale».

L’intervento viene garantito attraverso un preciso quadro economico finanziario, elaborato da Ire in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti: l’ospedale sarà finanziato per circa 104 milioni di euro (104.034.901,30 euro) con risorse nazionali ex articolo 20 della legge 67/1988 (edilizia sanitaria), per 86 milioni di euro (86.153.526,32 euro) a carico del concessionario e per poco più di 74 milioni di euro (74.184.617,76 euro) a carico del bilancio regionale, di cui oltre 45 milioni di euro (45.530.311,20 euro) relativi all’acquisto di arredi e nuove e moderne attrezzature.

Il piano economico finanziario prevede un canone annuo di disponibilità, comprensivo di costi di manutenzione ordinari e straordinari, pari a 14,8 milioni di euro all’anno per 25 anni e mezzo (Iva compresa) a carico dell’Asl 5, precisando che dei relativi oneri finanziari si terrà conto in sede di riparto del fondo sanitario regionale. L’importo del canone annuo sarà oggetto di ribasso in fase di gara.

La delibera approvata oggi verrà inviata al ministero della Salute per il definitivo nulla osta. Il prossimo passo sarà quindi l’approvazione dei documenti di gara da parte dell’Asl 5 e la pubblicazione del bando di gara. L’avvio dei lavori è previsto a maggio 2022.

Il cronoprogramma

Le fasi relative all’affidamento della concessione di costruzione e gestione e alla progettazione definitiva ed esecutiva, queste ultime ad opera dell’affidatario, sono stimate in una durata complessiva di circa 14 mesi con conseguente avvio dei lavori previsto a maggio 2022.

Il cronoprogramma del Progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica prevede le seguenti fasi di realizzazione: 361 giorni di opere propedeutiche e 1.290 giorni di realizzazione ospedale, anche in fasi sovrapposte cronologicamente, per un totale di 1.350 giorni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.