Sono oltre 129 mila euro i contributi messi a disposizione dal Comune di Recco per pagare le locazioni nei diversi provvedimenti approvati dall’ente nel 2020.

«Contributi che sono stati assegnati per integrare il canone di affitto di famiglie e attività commerciali e imprenditoriali della città − afferma il sindaco Carlo Gandolfo − un sostegno fondamentale in favore dei cittadini costretti a interrompere la propria attività lavorativa, a causa dell’emergenza sanitaria. Altre risorse invece sono state erogate per aiutare a pagare le locazioni delle famiglie più deboli economicamente».

Sono stati tre i bandi pubblicati dal Comune per fornire sostegno a chi ha avuto difficoltà nel pagare l’affitto.

Per il primo bando sono state 37 le domande ricevute, di cui 26 ammesse al beneficio, da parte di titolari di pubblici esercizi, imprese dei settori turistico-ricettivo, commercio, artigianato, della somministrazione al pubblico (bar ristoranti) e dei servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) per ottenere il contributo di una mensilità del canone di locazione. Lo stanziamento previsto dall’amministrazione è stato di 20.800 euro, per un importo del contributo che varia da un minimo di 372 euro a un massimo di 2.177 euro.

Nell’autunno 2020 la giunta Gandolfo aveva predisposto uno stanziamento di 25mila euro per dare un sollievo economico anche alle famiglie di lavoratori dipendenti e autonomi, con reddito non superiore ai 32mila euro (anno 2019), costretti a sospendere l’attività in relazione all’emergenza Covid. Sono state 20 le istanze presentate, 16 quelle liquidate con un contributo che va da un minimo di  598 euro ad un massimo di 1.145.00 euro.

Gli aiuti per pagare l’affitto sono arrivati anche alle famiglie in difficoltà con Isee 2020 non superiore a 16.700 euro. In questo caso lo stanziamento dell’amministrazione ammonta a 84.400,53 euro di cui 37.632,83 euro messi a dalla Regione Liguria e 46.767,70 a carico del bilancio comunale. Sono 86 le istanze presentate, tre quelle non ammesse al contributo per mancanza di requisiti. Il beneficio economico concesso va da un minimo di 300 euro a un massimo di 1.227 euro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.