Incontro, questa mattina in municipio, tra i rappresentanti del Comune di Rapallo e i responsabili di Openpoint Architettura, lo studio incaricato di redigere il progetto della nuova ludoteca comunale.

La riunione di oggi ha avuto lo scopo di definire le caratteristiche fondamentali che il nuovo spazio ideato per i bambini dovrà avere. Il primo step è la redazione di uno studio di fattibilità che delinei le caratteristiche tecniche del progetto e il piano di gestione economica.

La nuova ludoteca verrà realizzata negli spazi delle ex serre comunali all’interno del Parco Casale, che verranno quindi riqualificate.

Obiettivo dell’amministrazione comunale è creare un luogo polifunzionale per i più piccoli, nel quale svolgere sia attività didattiche sia ricreative in maniera continuativa. Uno spazio che non sia un babyparking, ma un vero e proprio luogo di ritrovo, condivisione e riferimento per le famiglie, costruito attraverso la collaborazione delle realtà scolastiche cittadine e della biblioteca comunale.

Per l’amministrazione comunale erano presenti il presidente del consiglio comunale Mentore Campodonico, la consigliera alle Politiche familiari Elisabetta Ricci e il consigliere al Commercio Giorgio Tasso. Ha portato il suo saluto anche il sindaco Carlo Bagnasco.

«Continuiamo a perseguire una visione di Rapallo come “Città dei Bambini” – evidenzia Bagnasco – ritengo quindi fondamentale il recupero di spazi dedicati al gioco e alla didattica dei più piccini da fruire per tutto l’arco dell’anno».

«Con la realizzazione della ludoteca intendiamo rispondere a una precisa e annosa richiesta dei cittadini – aggiunge il presidente del consiglio Campodonico – la redazione di questo studio di fattibilità è per noi prioritaria anche nell’ottica di accedere a finanziamenti tramite partecipazione a bandi europei per progetti di digitalizzazione e in chiave “green”».

«In parallelo al progetto di realizzazione della ludoteca, stiamo lavorando a un piano di rinnovamento e ammodernamento della biblioteca di Villa Tigullio – evidenzia la consigliera Elisabetta Ricci – Una delle ipotesi potrebbe essere quella di trasferire la sezione della biblioteca destinata ai bambini nella ludoteca, creando quindi un’area dedicata alla didattica, a laboratori di lettura e alla presentazione di libri».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.