Concluso il concorso Call for Entrepreneurship (C4E) con cui Leonardo ha selezionato e premiato idee e progetti nati in azienda e utili a sostenere gli obiettivi del piano Be Tomorrow-Leonardo 2030, la roadmap per l’innovazione alla base della crescita sostenibile di Leonardo nel lungo periodo.

A vincere è stato il team che ha presentato il progetto “Centro di Eccellenza per la Simulazione, la Formazione e la Digitalizzazione in ambito sanitario”. Sul podio sono saliti anche i progetti sul “Container Modulare Sostenibile” e sul “Sistema di identificazione sicura dei droni”, rispettivamente come secondo e terzo classificato.

Tutti i progetti presentati sono ricompresi all’interno degli ambiti di interesse individuati al momento del lancio del concorso e inerenti allo sviluppo di idee per incrementare la digitalizzazione, creare soluzioni tese a migliorare le condizioni dell’uomo e dell’ambiente, e trasformare, potenziandola, l’offerta di prodotti e servizi.

Si tratta di tre aree che rappresentano gli snodi strategici del piano di crescita Be TomorrowLeonardo 2030, nella sua direttrice Master the New. Una giuria interna, composta dal management e dai dipendenti di Leonardo, che hanno seguito la cerimonia di premiazione durante un evento digitale, ha decretato i tre vincitori compresi in una short list di dieci progetti, ritenuti migliori tra i 94 esaminati, e selezionati per partecipare al contest finale. Ogni singolo progetto è stato presentato, durante l’evento, dai dieci team finalisti tramite un pitch per illustrarne i punti di forza.

«Siamo orgogliosi del successo ottenuto dall’iniziativa che mira a valorizzare un capitale di conoscenza e innovazione di cui già disponiamo al nostro interno e che può rappresentare un moltiplicatore decisivo in grado di sviluppare il nostro business del futuro come indicato nel piano Be Tomorrow-Leonardo 2030 − ha dichiarato Enrico Savio, Chief Strategy & Market Intelligence Officer di Leonardo − Con questa iniziativa abbiamo così introdotto un nuovo paradigma, in grado di rappresentare anche un cambiamento culturale, volto a cercare l’innovazione in nuovi modelli di business o nuove value proposition che utilizzino tecnologie, asset e competenze già disponibili al nostro interno e proprie delle persone di Leonardo: la risposta ottenuta, oltre novanta i progetti presentati ed esaminati e tutti caratterizzati da un elevato spessore qualitativo, conferma la validità dell’iniziativa».

I tre team vincitori saranno ora supportati in un processo di accelerazione di start up e avranno l’opportunità di essere affiancati da professionisti dedicati, tra i quali Gellify – società esperta di open innovation e acceleratore di start up – per implementarne le competenze imprenditoriali.

Obiettivo del concorso Call for Entrepreneurship è quello di stimolare e costruire un mindset imprenditoriale nelle persone di Leonardo, supportandole nella proposizione e realizzazione delle proprie idee di business. Tra le finalità dell’iniziativa vi è la creazione di start up, nate da uno spin off aziendale, grazie al supporto che Leonardo fornirà ai progetti vincitori anche attraverso co-investimenti, per trasformarli, in futuro, in uno dei business dell’azienda.

L’iniziativa Call for Entrepreneurship si affianca al tradizionale processo di ricerca e sviluppo di Leonardo, che tipicamente guarda al medio-lungo termine, e pone il focus sull’innovazione aziendale per rispondere più rapidamente alle esigenze del mercato con idee e proposte concrete e realizzabili nel breve termine.

I tre progetti vincitori

Primo classificato: il progetto “Centro di Eccellenza per la Simulazione, la Formazione e la Digitalizzazione in ambito sanitario” è concepito come un Polo Tecnologico-Culturale dedicato al Digital Empowering del sistema sanitario attraverso un crossover tecnologico e metodologico tra Aerospazio&Difesa e Sanità. L’obiettivo in particolare è quello di gestire il rapido cambiamento che l’innovazione tecnologica e le tecnologie digitali impongono nella formazione del capitale umano nel settore sanitario, con il fine ultimo di ridurre il rischio sanitario per il paziente.

Secondo classificato: il progetto “Container Modulare Sostenibile” si basa sullo sviluppo dell’idea innovativa dello Shelter/Container per fronteggiare le attuali esigenze legate alla pandemia ed alle calamità naturali.

Terzo classificato: il progetto prevede la realizzazione e la gestione di una piattaforma in grado di identificare e autenticare dispositivi e operatori, mettendo in sicurezza lo scambio delle informazioni tra gli utenti che utilizzano i servizi dell’ecosistema UTM e Urban Air Mobility.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.