Sono terminati i lavori avviati lo scorso 15 febbraio nella galleria Monte Galletto sulla A7, oggetto di interventi di manutenzione sostenuti da Aspi per 5,5 milioni di euro e che rientrano nell’ambito del piano di operazioni per il potenziamento e l’ammodernamento della rete ligure concordato con il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

Stanotte verranno eseguiti gli interventi di smontaggio delle aree di cantiere, pulizia e ripristino del manto stradale per consentire, dalle prime ore di domani mattina, la regolare apertura al traffico della A7, in direzione Milano.

Le attività sono state effettuate per 45 giorni complessivi di cantiere 24 ore su 24, con l’impiego circa 75 maestranze tra tecnici e operai impiegati su doppio turno sette giorni su sette, utilizzando mezzi Jumbo per le perforazioni, piattaforme elevatrici, pompe per il getto di rivestimento e mezzi speciali adottati per la posa di elementi prefabbricati in calcestruzzo. Nell’intervento sono stati anche effettuati ripristini di alcuni sistemi idraulici di captazione e allontanamento delle acque.

A partire dalle 6 del 2 aprile inoltre tornerà percorribile su due vie di traffico il tratto della A7 in corrispondenza dell’immissione dell’A10 in direzione Nord, grazie all’accorciamento della riduzione di carreggiata installata per consentire attività di riqualifica su 140 metri di barriere laterali di sicurezza. Sulla stessa tratta – dove questo tipo di interventi è partito il 15 febbraio per ottimizzare le cantierizzazioni legate ai lavori all’interno della Monte Galletto – le attività proseguiranno fino al 20 aprile, garantendo comunque la percorribilità in entrambi i sensi di marcia.

Nei prossimi giorni sarà reso noto l’avanzamento dei prossimi lavori, così come da programma trimestrale.

Intanto la Regione Liguria ha chiesto al ministero dei Trasporti di rivedere il cronoprogramma degli interventi e dei cantieri sulla rete ligure, in modo che “siano coerenti con la ripartenza e la riapertura del Paese, in concomitanza con l’allentamento delle misure anti Covid, come elemento chiave di riferimento”.

In quest’ottica, la richiesta è che gli interventi non tengano conto del cronoprogramma generale che prevede, come termine per la conclusione degli interventi più impattanti, la metà del mese di giugno. Alla luce di questa richiesta, è stato concordato di convocare riunioni a cadenza settimanale per calibrare e programmare gli interventi in funzione di questo obiettivo. Inoltre, sempre in quest’ottica e per raggiungere l’obiettivo, è stato coerentemente richiesta una intensificazione degli interventi nel periodo pasquale e nel mese di aprile. Per questo motivo, è stata avanzata ai concessionari che non si fossero ancora mossi in questo senso una richiesta per l’attuazione di forme volontaristiche di sgravi o di riduzione dei pedaggi, in relazione a una cantieristica che è stata e sarà probabilmente molto impattante nelle prossime settimane.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.