«Tutti i pazienti chiamano, chiedono quando toccherà a loro, chiedono consigli: rispondiamo a tutti e continueremo naturalmente a farlo, ma non sarà possibile probabilmente procedere al grosso delle vaccinazioni Astrazeneca prima dell’estate».

A dirlo è Andrea Stimamiglio, segretario ligure Fimmg, che venerdì scorso, insieme ai rappresentanti di Snami, Smi, Cisl Medici, Fp Cgil Medici, Simet e Sumai, ha siglato l’accordo tra Regione Liguria e i medici di medicina generale per la prenotazione e la somministrazione dei vaccini.

L’accordo regionale ha preceduto quello firmato ieri a livello nazionale.

In base all’intesa, la categoria si porterà sulle spalle la maggior parte del peso della somministrazione dei vaccini Astrazeneca, quelli destinati ai cittadini sotto i 65 anni. Ma sarà difficile che la vaccinazione più intensa parta prima dei mesi estivi: «La categoria c’è − dice Stimamiglio − abbiamo parlato con i direttori generali e abbiamo assicurato che, in caso di carenza di personale anche per vaccini Pfizer, possiamo intervenire nelle strutture delle Asl. Per i vaccini che possiamo somministrare nei nostri studi ci daranno una mano le farmacie, che li distribuiranno ai medici a seconda delle esigenze. Avremo probabilmente la possibilità di vaccinare già in marzo alcune categorie, come insegnanti e vigili urbani. Ma per il grosso delle vaccinazioni, non prima dell’estate».

L’accordo prevede che, già da questa settimana, i medici di medicina generale svolgano alcune attività. A partire dalla prenotazione per gli anziani over 80 propri assistiti per la somministrazione nelle strutture delle aziende sanitarie di vaccini a mrna e, in fase successiva, per gli assistiti che verranno indicati dalla Regione o dalle aziende sanitarie.

I medici potranno anche somministrare il vaccino AstraZeneca (attualmente disponibile) ai soggetti tra i 18 e i 65 anni (e non più 55 a seguito della determinazione odierna di Aifa) senza patologie gravi, suoi assistiti, o di altri vaccini che si renderanno disponibili (anche al domicilio del paziente).

I medici di medicina generale potranno anche partecipare come componenti delle squadre dei vaccinatori per la somministrazione nelle strutture delle aziende sanitarie di vaccini anti Covid-19 per potenziare la capacità vaccinale sul territorio.

L’intesa prevede inoltre che il medico di famiglia collabori all’identificazione e alla prenotazione in fase 2 dei propri pazienti appartenenti alle categorie 1 (vulnerabili, comorbidità ultra gravi) e 4 (aumentato rischio, comorbidità) indicando alle aziende sanitarie quei soggetti non deambulanti per i quali la vaccinazione deve essere eseguita al domicilio.

Inoltre i medici di medicina generale potranno collaborare – su base volontaria e a scopo collaborativo, per favorire lo snellimento delle procedure amministrativo/burocratiche collegate alla somministrazione del vaccino presso le strutture territoriali – alla compilazione della scheda anamnestica che il paziente dovrà presentare al punto vaccinazioni al momento della somministrazione del vaccino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.