Cgil e Uil rispondono alle dichiarazioni di Giovanni Mondini riguardo allo sblocco dei licenziamenti: secondo il presidente di Confindustria Genova, intervenuto ieri durante la presentazione dei dati economici di Genova nel secondo semestre 2020, è necessario interrompere il blocco fissato al 31 marzo.

«È solo di qualche giorno fa la notizia giunta dall’Istat sui dati in picchiata dell’occupazione − commenta Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria − L’effetto pandemia si sta abbattendo con ferocia su donne e giovani che sono i soggetti che hanno i contratti più instabili. Vogliamo immettere sul mercato del lavoro ancora altri lavoratori senza futuro? Vogliamo davvero far alzare la febbre sociale? La Uil non ci sta ed è pronta a provarlo. Piuttosto servono politiche attive e il recupero del gap occupazionale di genere con investimenti in servizi materiali. Una crisi economica peggiorata dalla pandemia ha ancora bisogno del blocco dei licenziamenti e della cassa covid, auspichiamo che Draghi riesca a formare un governo che possa  circoscrivere quello che può diventare una vero e proprio disastro sociale. Per quanto riguarda le parole di Mondini, ci aspettiamo un cambio di rotta, volto alla tutela di tutti i lavoratori che in questi duri mesi hanno potuto tirare avanti con la prospettiva di ricominciare a rimettersi in gioco».

«È la stessa Confindustria ad aver illustrato una situazione economica in pesante affanno con diverse luci e molte ombre − dice Igor Magni, segretario generale Cgil Genova − Cgil conosce sin troppo bene gli effetti delle riorganizzazioni aziendali prospettate dal presidente Mondini, e ancor meglio le conoscono le migliaia di lavoratrici e lavoratori che in questi anni hanno pagato un prezzo pesantissimo alla crisi economica, ora peggiorata dalla pandemia e ai quali vanno date certezze per il futuro. I dati Istat dicono che, a livello nazionale, nel 2020 abbiamo perso 440 mila posti di lavoro e dietro a ognuno di essi ci sono persone in carne ed ossa. Per questi motivi Cgil individua nel blocco dei licenziamenti e nella cassa covid un argine a quella che può diventare una vera e propria Caporetto del lavoro e, in attesa di una complessiva riforma degli ammortizzatori sociali, continuerà a operare per la tutela di lavoratrici e lavoratori e a sostegno delle loro famiglie che dal lavoro traggono sostentamento».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.