Il piano vaccini è stato aggiornato per la seconda fase, prevedendo l’introduzione di altre fasce di cittadini per la somministrazione con la priorità verso i soggetti più vulnerabili.

Si tratta dell’aggiornamento del piano nazionale vaccinazioni per SarsCov2. La proposta comunque deve passare ancora il vaglio della Conferenza Stato-Regioni.

Sono 6 le categorie che verranno vaccinate prioritariamente nella seconda fase della campagna vaccinale anti-Covid: la prima sarà quella dei soggetti “estremamente vulnerabili” per particolari patologie, indipendentemente dall’età; le persone tra 75 e 79 anni; tra 70 e 74 anni; persone con particolare rischio clinico dai 16 ai 69 anni; persone tra 55 e 69 anni senza condizioni che aumentano il rischio clinico; persone tra 18 e 54 anni senza aumentato rischio clinico.

Alle prime 5 categorie andranno i vaccini a mRna, alla sesta quello AstraZeneca.

I soggetti estremamente vulnerabili sono coloro che hanno patologie valutate come “particolarmente critiche in quanto correlate al tasso di letalità associata a Covid-19”. Si tratta di soggetti con malattie respiratorie, cardiocircolatorie, condizioni neurologiche e disabilità, diabete ed endocrinopatie severe, fibrosi cistica, patologia renale, malattie autoimmuni, malattie epatiche e cerebrovascolari, patologia oncologica, sindrome di Down, trapianto di organo solido, grave obesità

«La vaccinazione di massa partirà da Pasqua in avanti – spiega Nicola Magrini, direttore dell’Agenzia italiana del farmaco – potremmo essere in grado di vaccinare 10 milioni di cittadini e più al mese. Ci aspettiamo che non tardi il vaccino di Johnson&Johnson il cui dossier è in corso di valutazione presso Ema».

Per quanto riguarda il vaccino AstraZeneca, indicato sotto i 55 anni mentre altri Paesi hanno posto il limite dei 65, Magrini afferma che «in Italia è prevalso il parere di Aifa per cui a partire dal dossier dell’ Agenzia europea per i medicinali si è visto che i dati di efficacia stimabili erano limitati agli under 55. Nella fascia 55-65 anni i dati erano troppo pochi». Il direttore dell’Aifa sottolinea, comunque, che “AstraZeneca è comunque registrato per tutti” e che “non bisogna essere diffidenti”.
Per Magrini “gli anticorpi monoclonali sono potenzialmente promettenti per una certa tipologia di pazienti ben definita, quindi si è deciso di dare un’apertura all’uso in via eccezionale e temporanea. Non è un via libera, non è un’ approvazione piena”.
Intanto è stato pubblicato il decreto sui monoclonali, la loro distribuzione sarà affidata al commissario straordinario Domenico Arcuri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.