Fino al 10 marzo associazioni e cittadini attivi nel centro storico di Genova possono inviare la propria proposta di collaborazione con l’amministrazione comunale per la cura, gestione e rigenerazione di alcuni spazi pubblici, nell’ambito del Piano integrato del Centro Storico-Caruggi.

Nella nuova sezione del sito del Comune di Genova dedicata al progetto Caruggi, a cui è possibile scaricare tutta la documentazione dell’avviso pubblico e, compilando gli appositi campi, inviare la propria proposta finalizzata al recupero e all’animazione sociale e culturale di 11 piazze del centro storico, localizzate nella prima area pilota di Prè-Ghetto, individuata dall’amministrazione comunale.

È il primo avviso pubblicato nell’ambito delle “Linee guida per la promozione dell’amministrazione condivisa attraverso lo strumento dei patti di collaborazione nell’ambito del Piano Integrato per il Centro Storico CaruggiPiano Operativo Umbre de Muri” (approvate la scorsa settimana con la delibera di giunta comunale n. 24/2021): seguiranno ulteriori procedure pubbliche finalizzate alla co-progettazione e all’implementazione di patti di collaborazione per l’area del centro storico.

Una volta raccolte le proposte di collaborazione, il Comune avvierà una fase di dialogo e co-progettazione con i proponenti per incrementare la collaborazione tra le diverse realtà presenti sul territorio e individuare soluzioni progettuali condivise con la cittadinanza, in un’ottica di gestione collaborativa delle piazze.

La prima area pilota individuata è quella di Prè-Ghetto. Nello specifico comprende le piazze:
Settore Prè 1: piazza Monachette – delle Marinelle – Tenedo (detta “Macellari”)
Settore Prè 2: piazza dei Truogoli di Santa Brigida, piazza Durazzo, piazza dello Statuto
Settore Ghetto 1: piazza Santa Sabina e piazzetta privata limitrofa alla Casa della Giovine
Settore Ghetto 2: piazza Don Gallo, piazza del Campo, piazza Fossatello, piazza di San Pancrazio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.