Cgil, Cisl, Uil e Fials hanno organizzato per il 12 gennaio un presidio presso la sede del consiglio regionale della Liguria.

L’occasione è fornita dallo sciopero degli operatori sociosanitari dipendenti di Coopservice, operanti alla Spezia, indetto per manifestare la preoccupazione dei lavoratori in merito alla propria situazione occupazionale.

“Abbiamo scritto – spiegano i sindacati in una nota – ai parlamentari spezzini, ai partiti politici del territorio e ai consiglieri regionali affinché il 12 vengano ad ascoltare le ragioni e la disperazione dei lavoratori che dopo anni di qualificato servizio presso la Asl rischiano il loro posto di lavoro. La Regione non ha voluto un confronto ulteriore con noi prima di emettere il bando ed è inaccettabile che si sia sottratta anche al tentativo di conciliazione del prefetto. Siamo ancora in tempo per ritirare il bando e costruire un percorso che garantisca i 158 lavoratori. Se anche uno solo di loro infatti perdesse il posto di lavoro sarebbe una sconfitta di tutti. Abbiamo poi chiesto al sindaco Peracchini un incontro per stabilire una strategia comune che scongiuri il rischio che i 158 operatori rimangano senza lavoro ed eviti il conseguente impatto devastante in termini umani e sociali”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.