Si svolgerà sabato 23 gennaio la premiazione della prima edizione del concorso Mieli di Liguria, lanciato da Alpa Miele, Associazione Ligure Produttori Apistici.

Per l’occasione, l’associazione organizza un’intero pomeriggio dedicato al miele, che partirà alle 14 con il webinar tenuto da Lucia Piana sulla Qualità del Miele (evento a numero chiuso). Piana è tra i massimi esperti internazionali di miele, docente dell’Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele, divulgatrice, biologa e melissopalinologa approfondirà: origine, composizione, proprietà fisiche, alimentari, biologiche, difetti di produzione. Definizione e caratterizzazione dei mieli uniflorali.

La melissopalinologia è la disciplina scientifica che studia il polline presente nel miele, permettendo l’identificazione della provenienza botanica di tale polline.

Dalle 16,30 diretta streaming dell’evento di premiazione sul canale YouTube, sulla pagina Facebook e sul sito dell’associazione.

Interverranno Alessandro Piana, assessore all’Agricoltura della Regione Liguria; Franco Formigoni, Regione Liguria, Settore Politiche Agricole e della Pesca; Gian Luigi Marcazzan, presidente Albo Nazionale Esperti in Analisi Sensoriale del Miele; Giuseppe Cefalo, presidente Unaapi, Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani; Alessandro Giuliani e Tommaso Di Pilato, progetto alveare inclusivo, percorso sensoriale per non vedenti.

Dopo la premiazione dei mieli, con la consegna degli attestati di qualità (ogni partecipante, premiato o meno, riceverà nei giorni successivi alla premiazione un feedback sul proprio miele e le analisi), seguirà un aperitivo interattivo a cura di Gennaro Acampora, the Honey bar, con la presentazione in anteprima del nuovo cocktail al miele “baxinicò”, a base di ingredienti liguri, in collaborazione con aziende locali.

Il concorso

Il concorso è stato istituito con la speranza e la convinzione di poter essere strumento per far crescere il settore e migliorare sempre di più la conoscenza e la qualità del miele prodotto in Liguria.

Dopo la raccolta dei campioni degli apicoltori e delle apicoltrici partecipanti, in autunno scorso, è poi seguita una lunga fase organizzativa di classificazione e preparazione dei campioni per le analisi di laboratorio e il giudizio organolettico.

I problemi legati alla situazione sanitaria hanno impedito la costituzione di un panel in presenza, costringendo i giudici iscritti all’albo ad assaggi individuali a distanza e alla successiva discussione in videoconferenza e allungando i tempi per le analisi di laboratorio. In seguito l’elaborazione dei risultati del giudizio organolettico e dei dati di analisi hanno portato a decretare i vincitori.

Leggi anche Miele ligure, una crisi lunga 5 anni: produzione dimezzata, regge solo il millefiori

Nonostante un’annata apistica deludente e avara di raccolto (l’ennesima di una serie negativa che si protrae orma da un decennio) sono stati presentati 101 campioni tra miele millefiori e vari monoflora, da tutte le province liguri: 10 da Imperia, altrettanti da Savona, 61 da Genova e 20 dalla Spezia.

52 sono mieli millefiori, 30 sono campioni di castagno, 9 di acacia, 5 melata 3 edera e 2 ligustro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.