L’amministrazione comunale intende promuovere una politica attiva di inclusione sociale e di crescita per i beneficiari del reddito di cittadinanza e per la collettività.

È stata resa esecutiva una determina con la quale vengono avviati i progetti di utilità collettiva a favore dei percettori di reddito di cittadinanza residenti nel territorio di Rapallo.

Già dai prossimi giorni e fino al mese di aprile 2021, due soggetti che fruiscono di questo beneficio economico, inizieranno a svolgere attività di front office, informazione, accoglienza al pubblico, presso la sede comunale dell’ex ospedale di piazza Molfino e presso la Biblioteca di Villa Tigullio.

Nei mesi a venire saranno attivati ulteriori progetti utili alla collettività nell’ambito di altri settori dell’amministrazione comunale che proporranno progetti e daranno la loro adesione ai Puc.

I beneficiari del reddito di cittadinanza sono tenuti a svolgere Progetti utili alla collettività (Puc) nel comune di residenza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16. In nessun caso le attività potranno essere sostitutive di quelle ordinarie, né saranno in alcun modo assimilabili ad attività di lavoro subordinato .

«Sono particolarmente soddisfatto per la buona riuscita di questa iniziativa su cui stiamo lavorando da molto tempo – dichiara il vicesindaco Pier Giorgio Brigati, che prosegue – ringrazio il dirigente dei servizi alla persona Anna Maria Drovandi e tutti gli uffici che stanno partecipando al progetto per la consueta professionalità».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.